DEApress

Sunday
Apr 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Polanski è Trelkowski: la follia abita al 3° piano

E-mail Stampa PDF

INQUILINO LOCANDINA

Ne “L’inquilino del terzo piano” Polanski si cimenta con la riscrittura acida dell’Hitchcock di “La finestra sul cortile” e, soprattutto, di “Psycho” sostituendo alla paciosità del mistero per famiglie dell’inglese-che-amava-le-bionde l’inquietudine dell’esule, dell’impiegato polacco a Parigi costretto a reiterare quasi ossessivamente la sua «cittadinanza francese» e a continuare a consumare al bar quel che il francesissimo patron gli ha messo davanti la prima volta ovvero una cioccolata calda (e Marlboro al posto delle Gauloises eternamente esaurite…).

A dirla tutta, Polanski finirà per riappacificarsi col maestro britannico più di dieci anni dopo grazie a “Frantic”, pellicola nella quale fioccano le citazioni ma quasi da controriforma nella sua filmografia, che non sa far altro che giovarsi di tante false partenze: un divo che non carbura, una esordiente che non convince, una vicenda senza vita già alla metà del film.

INQUILINO ALLA FINESTRA

Tornando a “L’inquilino”, la scelta di dare il suo volto al protagonista Trelkowski gli permette di trattare il tema del doppio in maniera davvero raffinata, l’autobiografia non è quindi affatto casuale, e gli permette per così dire di recitare in presa diretta e di causare un continuo eclatante rispecchiamento tra doppi, in un moltiplicarsi infinito dei piani: persino l’epilogo della vicenda sarà l’elevazione al quadrato dello spunto iniziale.

Quello che più inquieta, nel crescendo paranoico che travolgerà tutto, è l’apparente normalità del condominio dove il mite Trelkowski va ad abitare, occupando l’appartamento di Simone Choule, giovane donna che si è gettata dalla finestra. L’atmosfera è sì cupa e sgradevole ma contraddetta e stemperata da un velo di rispettabilità che ciascuno degli inquilini enfatizza ma che si sfilaccia mano a mano che presenze sempre più inquietanti prendono forma davanti agli occhi (o nella mente?) di Trelkowski stesso.

Se le scale del palazzo sembrano perdersi in un buio denso che inghiotte ogni cosa, come una quinta infernale, è il cortile o, meglio ancora, alla francese, la cour lo spazio dove le visioni del protagonista rimbalzano impazzite e qui non c’è James Stewart che tenga, non ci viene in soccorso neanche un’oncia di quel savoir vivre hollywoodiano che spesso riesce a stemperare i grumi delle anime inquiete.

INQUILINO SPECCHIO

Polanski decide di non tirarsi indietro e affronta le sue personali ossessioni (è appena tornato in Europa dopo i terribili fatti di Cielo Drive e il clamoroso successo di “Chinatown”) realizzando un film che è un accumulo letterale di paranoia, un dispositivo che esiste solo per caricarsi di un’energia insana pronta ad esplodere. Così sarà, già nel sottofinale, quando iniziano le autosuggestioni del protagonista, la sua lenta inesorabile discesa verso la follia sottolineata, ove ce ne fosse bisogno, più dai particolari in apparenza insignificanti che dagli snodi narrativi veri e propri: svegliarsi al mattino col viso truccato da donna senza sapere come sia accaduto; stare addosso ai suoi sudori freddi; il ritrovamento casuale di un dente dentro un buco di una parete dell’appartamento; riempire i silenzi della solitudine con immagini fuori scala che spingono al delirio. Le finestre sembrano moltiplicarsi e ognuna nasconde e svela al tempo stesso, in un girone dei dannati capace persino di trasformarsi in un’infilata di palchi teatrali. Le allucinazioni sono potenti, scuotono il povero Trelkowski e lo portano al crollo finale, al salto nel vuoto. Letteralmente.

Senza titolo

Come detto, troppi sono i rispecchiamenti che si susseguono, uno dentro l’altro e pochissime sono le pause (la stessa giovanissima co-protagonista Adjani finisce in realtà per essere chiamata in scena quasi a far da stacco tra i brani della storia), giusto quelle necessarie a noi spettatori per riprendere fiato e gettarci di nuovo a capofitto dall’ottovolante: definizione non casuale visto l’utilizzo nel film del braccio gru ‘louma’, per l’epoca vera primizia tecnica, che permette inquadrature arditissime e meravigliose fluidità per i piani sequenza che ricordano proprio la sensazione di percorrere le montagne russe.

E come sappiamo, finito un giro, le montagne russe ricominciano con la corsa successiva: l’arco narrativo si chiuderà, come già accennato, in maniera più che perfetta, nell’attesa distopica di un nuovo (im)possibile inizio.

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 20 Aprile 2024
Una donazione per contnuare a informare e formare in modo libero indipendente e senza pregiudizi   Attraverso la dichiarazione dei redditi è possibile devolvere una quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) senza oner...
Silvana Grippi . 19 Aprile 2024
    TEATRO DANTE "CARLO MONNI"     comunica   PIERO PELU' - nominato consulente artistico del Teatro Carlo Monni di Campi Bisenzio      
Luca Vitali Rosati . 19 Aprile 2024
Il termine solidarietà ha un'accezione piuttosto ampia: dal singolare essa abbraccia il generale, essendo principio cardine della società odierna. A confermare questa molteplicità di significati, si può partire da quello che afferma la Costituzione ...
Nima Shafiei . 19 Aprile 2024
Al cinema Astra di Firenze, il 26 aprile, in occasione delle commemorazioni della liberazione dall'occupazione nazifascista, verrà proiettato un documentario sulla vita di Flora Monti, la più giovane staffetta partigiana. Per l'occasione la prese...
Nima Shafiei . 18 Aprile 2024
L'associazione Novoli Bene Comune e l'unità di ricerca PPcP del Dipartimento di Architettura organizzano il 20 Aprile un convegno per discutere del futuro dell'area Mercafir all'interno della riqualificazione del quartiere di Novoli di Firenze. Al co...
DEAPRESS . 18 Aprile 2024
Oggi, in un momento di forte tensione dell' umanità per le due guerre non più locali ma regionali, ( Ucraina e Medio oriente) dirottero' su argomenti di distrazione. I famosi Detti Fiorentini. Firenze è forse la città italiana con i Detti popolari co...
DEAPRESS . 18 Aprile 2024
Costantino 313 dc. Adrianopoli 476. Conosco bene la storia fino a Marco Aurelio (fino 200 circa dc.) dopo solo i fatti salienti ma non in profondità.  Oggi ho voglia di scrivere come è nata Firenze (Florente, Fiorenza). Quello che non tutti...
Silvana Grippi . 17 Aprile 2024
San Suu Kyi (Birmana) da oggi è fuori dal carcere: è stata trasferita ai domiciliari ma non si sa se è una misura cautelare o un fine pena. Si ricorda che San Suu Kyi ha settantanove anni e ha anche vinto un premio Nobel   
DEAPRESS . 17 Aprile 2024
Oggi scrivo la seconda parte della storia del Forte Belvedere.    Come avevo già anticipato, il Forte Belvedere quel anno era stato completamente riservato per oltre 30 giorni alla futura famosa holding casa di moda Hugo Bos...

Galleria DEA su YouTube