DEApress

Monday
Oct 14th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

SOUL ISLAND: il decadimento sociale di "Shards"

E-mail Stampa PDF

SOUL ISLAND

“SHARDS”

Soul Island Cover

“Ocean” - Official HD

Esordio da solista per il producer e songwriter salentino Daniele De Matteis. Un lavoro in bilico tra passato e futuro, con quelle sonorità un po’ retrò dell’era elettronica anni ’80 e ’90 e quel piglio fresco anche nei mix di stampo internazionale. Si fa chiamare Soul Island e pubblica per Loyal to your Dream questo disco dal titolo “Shards” che a suo modo cerca di affrontare il concept del decadimento, sociale e culturale, con questi adolescenziali landscape analogici e una scrittura proveniente da quel pop inglese dell’era post-punk. “Shards” è anche disponibile in una bellissima edizione in vinile e noi ci fermiamo per dargli spazio e capirne di più. Di certo è un progetto che nasconde retroscena di vissuti e, in sottofondo, mi pare tradisca una certa resa concettuale verso il decadimento culturale che i grandi media promuovono quotidianamente. Di sicuro si ha bisogno di artisti liberi come Soul Island per non lasciare che sia solo quella la partita in gioco.

Che metamorfosi anagrafica e concettuale è quella che trasforma Daniele De Matteis in SOUL ISLAND?
Soul Island è un progetto che ho desiderato per tanto tempo, molto prima che avesse un nome, un blend fra scrittura emotiva ed elettronica. Ha preso forma a Londra, dall'incontro/scontro con la città, dopo una fase iniziale in cui ho accumulato idee e suoni. Questo disco è estremamente autobiografico, per cui il concept se vogliamo viene fuori in maniera naturale dall'urgenza di esprimere le sensazioni ed esperienze molto forti e trasformative che ho vissuto. Un processo di distruzione e ricostruzione, di distacco dalla creatività e poi di ricongiungimento.

Questo moniker tra l’altro mi fa pensare alla libertà, alla lontananza, al rifugio dal mondo industrializzato… non è così?
Sicuramente libertà e rifugio, ma non dal mondo industrializzato, la tecnologia e l'industrializzazione non sono necessariamente un nemico. L'isolamento che sta nel nome per me è creativo, spirituale, necessario come punto di partenza per esprimersi in maniera viscerale e autentica. Allo stesso tempo e nel mio caso è la solitudine che provo quando richiamo alla mente una sensibilità legata alle sottoculture e valori anni '90 che hanno rivoluzionato il mainstream attuale, ma la cui forma originaria è per lo più dimenticata e violentata.

E anche la tua musica mi riporta ad un concetto di evasione… come a dire “Ecco cosa vi sta capitando, io mi metto al sicuro”…
Curioso, dal mio punto di vista non c'è un approccio di fuga, sarebbe più un "Ecco cosa CI sta capitando" anche perché non mi sento tanto al sicuro... però è giusto che ognuno legga il suo!

Gli anni ’80 ti hanno segnato moltissimo… almeno questo arriva dal mio ascolto. Cosa mi dici?
Sicuramente hanno un impatto, però per me più come una forma di recupero e riscoperta. Infatti prima di questa fase, e curiosamente, ho approfondito molto di più il prima e il dopo. Penso che il richiamo a quegli anni sia una conseguenza, emergente da un certo approccio alla scrittura e ad i suoni, che superficialmente finisce col prendere questa forma. Non c'è un piano a tavolino, non ho voluto ricercare un genere, forse anche per questo il disco è così eterogeneo alla fine.

A chiudere: hai sposato un linguaggio internazionale perché il nostro vocabolario non aveva parole efficaci?
Ho sempre (o quasi) scritto in inglese. La scelta c'è stata ma durante la mia adolescenza e da allora mai più rimessa in discussione. Ho i miei ascolti, che contribuiscono inevitabilmente al mio linguaggio e non sono protettivo nei confronti delle lingue, sono fatte così, cambiano, crescono, muoiono. Mi piace usare l'inglese, ed in questo caso è la lingua che racconta meglio "Shards".

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 14 Ottobre 2019
Secondo appuntamento del Ciclo di incontri pubblici“ABITARE FIRENZE"organizzati dalla Libreria Editrice Fiorentina e dalla Unità di Ricerca"Paesaggio Patrimonio culturale Progetto" dell'Università di Firenze, eche si tengono ogni terzo mercoledì del ...
DEApress . 14 Ottobre 2019
Riceviamo e pubblichiamo: Festival del cinema documentario resistente a Firenze Castello   "ll Csa Next-Emerson in collaborazione con il Cinema di Castellopresenta ilFestival del Cinema Documentario Resistente Informazioni con sinossi e trail...
Antonella Burberi . 14 Ottobre 2019
riceviamo e pubblichiamo ARTEINSCENA Laboratorio di Musical Audizioni per l’anno accademico 2019/ 2020 Domenica 20 ottobre 2019, ore 14.00 Comunicato stampa Domenica 20 ottobre alle ore 14, presso il Teatro Politeama, si svolgeranno le audizioni...
Antonella Burberi . 14 Ottobre 2019
riceviamo e pubblichiamo Leonardo da Vinci e il moto perpetuo Firenze, Museo Galileo, 10 ottobre 2019 – 12 gennaio 2020 Fin dal Medioevo l’idea di riprodurre con dispositivi meccanici il moto perpetuo delle sfere celesti ha stimolato l’immagin...
Antonella Burberi . 14 Ottobre 2019
  Pisa, Palazzo Blu - dall'11 ottobre 2019 al 9 febbraio 2020 è visitabile la mostra "FUTURISMO" curata da Ada Masoero, organizzata da Fondazione Palazzo Blu con il patrocinio di Regione Toscana e del Comune di Pisa. Il 20 febbraio 1909 usciv...
Silvana Grippi . 14 Ottobre 2019
CORSI DEA  26 ottobre 2019 per info: https://www.facebook.com/deacorsifirenze/photos/gm.509127043214928/809413356163062/?type=3&theater
Silvana Grippi . 14 Ottobre 2019
Davanti gli uffizi di Firenze contro l'invazione Turca
Silvana Grippi . 14 Ottobre 2019
Questa foto composta è stata copiata da da FB di Emanuele Modugno Hevrin Khalaf, trentacinque anni, ingegnera, era una donna in prima fila contro le ingiustizie che ha antemposto alla sua vita la lotta per i diritti umani. E' stata barbaramente tr...
Silvana Grippi . 12 Ottobre 2019
  https://www.deapress.com/new-media/24024-festival-mediamix-2019-.html

Galleria DEA su YouTube