DEApress

Tuesday
Apr 07th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Mirco Menna: “Il senno del pop”

E-mail Stampa PDF

Mirco Menna

“IL SENNO DEL POP”

Mirco menna cover album

“Così passiamo” - Official HD

Nuovo lavoro per Mirco Menna, bolognese, burattinaio della parola cantante di gusto estetico e di peso poetico. Un francesista napoletano dal piglio decisamente romanzato. Insomma di definizioni potremmo trovarne numerose ma di sicuro c’è che questo nuovo disco dal titolo “Il senno del pop” è uno scrigno di grandissimo pregio stilistico, di belle sensazioni e di grandi composizioni. La faccia pregiata della canzone d’autore italiana. Che poi probabilmente, è proprio questo un alto concetto di “pop”, popolare come da tradizione, come da radici, come da culto di quello scenario da cui proveniamo.

Un nuovo disco dopo il grande tributo a Modugno. Oggi la tua canzone d’autore risente ancora di quelle influenze?
Probabilmente sì... come con tutto ciò che, una volta dato, diventa imprescindibile.

Silvia Donati, Gianni Coscia e poi Zibba. Qual è il filo conduttore che fa stare assieme queste collaborazioni sotto lo stesso disco di Mirco Menna?
Reciprocamente, l’amicizia personale e la stima professionale. Silvia Donati è stata, durante tutto il percorso di questo album, una presenza costante e fondamentale. A Zibba piaceva la canzone e a me piaceva che lui la cantasse con me. Nel caso di Gianni Coscia c’era, in più, una certa vicinanza al tema del brano, per motivi diciamo territoriali e sentimentali: è una canzone dedicata al pittore Pellizza da Volpedo, quello de Il Quarto Stato.

E poi nel disco anche 2 Live storici della tua carriera: come mai hai scelto proprio queste due tracce?
Una è una canzone che avevo già inciso con Banda di Avola nell’album “...e l’italiano ride”, qui riproposta in versione acustica, in quartetto. E l’altra perché è bellissima, lo dico senza presunzione dato che si tratta di un brano di Giorgio Gaber, “Chiedo scusa se parlo di Maria. La registrammo una dozzina di anni fa per Il Mucchio Selvaggio, stava lì così bella e nascosta e ben suonata... le abbiamo affidato l’onore/onere dell’ultima traccia: quella del congedo e del buon sapore che resta nelle orecchie.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 07 Aprile 2020
Associazione DEAonlus    Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  gratuita e al servizio di coloro che lottano per i diritti umani e per una giusta informazione. Crea...
DEApress . 07 Aprile 2020
  Nella letteratura della nostra storia recente troviamo personaggi di diversa natura; sicuramente uno di questi tra i più significativi e controversi (proprio per la sua persona, la sua storia e il suo significato) è Fabrizio De Andr...
Silvio Terenzi . 06 Aprile 2020
GIUSEPPE LANNO“LA MATERIA OSCURA” “La materia oscura” - OFFICIAL HD Nuovo singolo, nuovo video ufficiale, nuovo inedito per il cantautore e videomaker bolognese Giuseppe Lanno. Terzo di un trittico di pubblicazioni singole, arricchite com’è ovvio a...
Silvana Grippi . 06 Aprile 2020
AST E USSI IN LUTTO PER L'IMPROVVISA MORTE DI ALESSANDRO RIALTI Il presidente Sandro Bennucci e tutti gli organismi dirigenti dell'Associazione Stampa Toscana e Franco Morabito, presidente del Gruppo toscano giornalisti sportivi, Ussi, par...
DEApress . 06 Aprile 2020
  Tutti abbiamo avuto modo di notare che l’inverno appena trascorso è stato molto mite: nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio non abbiamo mai avvertito quel freddo pungente ed intenso che dovrebbe essere tipico della stagione i...
Silvana Grippi . 06 Aprile 2020
https://www.deapress.com/ultime-nove-mainmenu-2/ufficio-stampa-mainmenu-68/3713-il-sessantotto-.html
Silvana Grippi . 06 Aprile 2020
Marco Ranaldi . 05 Aprile 2020
Joe Barbieri è una delle espressioni più sincere e  intelligenti di quella che è ancora oggi l'idea di un cantautorato. Naturalmente esauritasi col tempo la cifra eversiva dei primi autori, oggi questo aggettivo serve soprattutto per mettere in  evid...
Piero Fantechi . 05 Aprile 2020
Un raggio di sole che penetra dietro l'oscurità di un albero.  Una rossa speranza. ph. piero fantechi

Galleria DEA su YouTube