DEApress

Wednesday
Jun 29th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Mirco Menna: “Il senno del pop”

E-mail Stampa PDF

Mirco Menna

“IL SENNO DEL POP”

Mirco menna cover album

“Così passiamo” - Official HD

Nuovo lavoro per Mirco Menna, bolognese, burattinaio della parola cantante di gusto estetico e di peso poetico. Un francesista napoletano dal piglio decisamente romanzato. Insomma di definizioni potremmo trovarne numerose ma di sicuro c’è che questo nuovo disco dal titolo “Il senno del pop” è uno scrigno di grandissimo pregio stilistico, di belle sensazioni e di grandi composizioni. La faccia pregiata della canzone d’autore italiana. Che poi probabilmente, è proprio questo un alto concetto di “pop”, popolare come da tradizione, come da radici, come da culto di quello scenario da cui proveniamo.

Un nuovo disco dopo il grande tributo a Modugno. Oggi la tua canzone d’autore risente ancora di quelle influenze?
Probabilmente sì... come con tutto ciò che, una volta dato, diventa imprescindibile.

Silvia Donati, Gianni Coscia e poi Zibba. Qual è il filo conduttore che fa stare assieme queste collaborazioni sotto lo stesso disco di Mirco Menna?
Reciprocamente, l’amicizia personale e la stima professionale. Silvia Donati è stata, durante tutto il percorso di questo album, una presenza costante e fondamentale. A Zibba piaceva la canzone e a me piaceva che lui la cantasse con me. Nel caso di Gianni Coscia c’era, in più, una certa vicinanza al tema del brano, per motivi diciamo territoriali e sentimentali: è una canzone dedicata al pittore Pellizza da Volpedo, quello de Il Quarto Stato.

E poi nel disco anche 2 Live storici della tua carriera: come mai hai scelto proprio queste due tracce?
Una è una canzone che avevo già inciso con Banda di Avola nell’album “...e l’italiano ride”, qui riproposta in versione acustica, in quartetto. E l’altra perché è bellissima, lo dico senza presunzione dato che si tratta di un brano di Giorgio Gaber, “Chiedo scusa se parlo di Maria. La registrammo una dozzina di anni fa per Il Mucchio Selvaggio, stava lì così bella e nascosta e ben suonata... le abbiamo affidato l’onore/onere dell’ultima traccia: quella del congedo e del buon sapore che resta nelle orecchie.

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 28 Giugno 2022
Riceviamo e pubblichiamo: "COMUNICATO STAMPA: 1 luglio 2022 secondo SCIOPERO del personale in APPALTO di Archivio Storico e Biblioteche del Comune di Firenze Firenze: Secondo sciopero generale per le lavoratrici e i lavoratori in appalto dell’Archi...
Silvana Grippi . 28 Giugno 2022
Riceviamo e pubblichiamo La vita di Giorgio La Pira in una biografia pubblicata dalla Firenze University PressIl 30 giugno in Via Laura la presentazione del volume edito dalla casa editrice di Unifia cura di Giovanni Spinoso e Claudio Turrini Propo...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
Giornata di lotta e musica alla GKN                                                    Articolo di  Massimil...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
In preparazione catalogo pubblicazioni DEA dal 1991  
Silvana Grippi . 28 Giugno 2022
  Giovedì 30 giugno, alle ore 17, presso MAD Murate Art District in piazza delle Murate a Firenze si terrà la presentazione e proiezione in anteprima assoluta del film: I MAESTRI DELL’ ARCHITETTURA E DEL DESIGN: ENZO ZACCHIROLIdi ...
Silvana Grippi . 27 Giugno 2022
5 per mille al Centro D.E.A.   Cari soci, amici, lettori e conoscenti, prendete nota del nostro codice fiscale: 03938570482 da indicare per la destinazionedel 5 per MILLE. Ci aiutererete a fare progetti di solidarietà e partecipazione.Ser...
Silvana Grippi . 27 Giugno 2022
  Maria Nikiriforova nasce nel 1885 a Alexandrovsk in Ucraina (oggi Zaporizhia). All'età di 16 anni inizia la militanza nei circoli anarco-comunisti della zona. Nel 1906 viene condannata a morte dal governo zarista, pena poi co...

Galleria DEA su YouTube