DEApress

Thursday
May 06th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

LUCA BASH “CANDIDE BUGIE” È SINGOLO INDIE-ROCK DEL MUSICISTA DI ORIGINI ROMANE

E-mail Stampa PDF

 

Le grandi sfere tematiche e concettuali dell’amore e della verità si sfiorano e si fondono in una canzone che affronta le incoerenze e i dilemmi a cui tutti noi andiamo incontro quando viviamo una storia con un’altra persona.

«Un paradosso, che nasce da una logica forzata, per descrivere un fatto: se una persona ti ama veramente, la verità a tutti i costi è diretta conseguenza dell’amare realmente.

Ma purtroppo, quando si ama, spesso ci si trova di fronte a bugie bianche, quelle realtà addolcite per rendere la verità commestibile. La scusa che diamo a noi stessi è proteggere chi amiamo, ma in realtà stiamo solo proteggendo noi stessi e la reale matrice dei nostri pensieri. E per assurdo vedi che l’indifferenza di un estraneo, e il suo strumentalismo prevedibile e riconoscibile, sarebbe più vero ed innocuo di una candida bugia, che brucia senza scottare». Luca Bash

Guarda qui il videoclip

Il singolo è estratto da un CD di 15 brani, scritto e prodotto in due lingue (italiano e inglese). L’LP in inglese è intitolato “Keys of Mine”, mentre in italiano si chiama “Oltre le Quinte”. Il progetto si è sviluppato senza direzione artistica, in maniera sequenziale, chiedendo ad ogni musicista di arrangiare e registrare in remoto nella propria città senza indicazione alcuna. L’LP è quindi una composizione dove ognuno ha fatto ciò che la sua arte e gusto gli ha indicato. Di fatto il fine ultimo del progetto di Luca Bash è una dedica ai suoi amici musicisti. Il motivo è semplice:

«Per quanto una persona possa partecipare ad un progetto per sperare che succeda qualcosa o per tentarle tutte, loro (i musicisti) sono gli unici che con un semplice gesto quale suonare e amare le mie canzoni, hanno di fatto reso possibile il dare una forma a quello che io semplicemente sono: uno stupido artista che non ce la fa a rassegnarsi a vivere senza fare ciò che mi rende felice». Luca Bash

BIO

Luca Bash inizia a studiare musica all’ inizio degli anni ‘90, inizialmente con lo studio del violino, per poi passare nel ’94 alla chitarra. Comunque aspetterà fino al ’99 prima di scrivere la sua prima canzone, quando impatta in Dave Matthews, acquistando per caso il suo duo acustico “Live at Luter College”. La volontà di comprendere la composizione chitarristica lo spinge ad iscriversi all’ UM – Università della musica – a Roma, approfondendo la chitarra ritmica e l’armonia. Produce le sue prime 13 canzoni, tra cui “Dear John”, che lui stesso riconosce come il primo pezzo da poter presentare al pubblico.

Nel 2006, Bash fu invitato a partecipare al Festival Internazionale di Piombino, rassegna che vinse in duo acustico, corredando il suo successo con il premio di miglior interpretazione. Formò in seguito una band, chiamata BASH, la quale in 5 anni produsse un LP, “On Air” e vinse diversi eventi nella realtà indie.

I BASH ruppero nel 2011 dopo che I suoi membri principali cambiarono città per motivi lavorativi, ma l’avventura di Luca Bash non terminò. Continuò a scrivere ma nel 2013 ebbe un grave incidente in moto, che lo debilitò per diversi mesi e cinque giorni di coma. Durante la riabilitazione Bash acquisì una coscienza diversa rispetto la sua musica, trainato dalla fortuna di poter di nuovo suonare la chitarra. Da qui, ricontattò da Torino, la sua nuova città, il suo amico e chitarrista storico Giova (Giovanni) Pes per iniziare un nuovo capitolo della sua storia musicale. Nel 2014, un interessante storia discografica prende piede: il progetto CMYK. Il duo ha realizzato 4 EP di canzoni acustiche: Cyan, Magenta, Yellow and Key Black. Ogni EP rappresenta uno dei colori base nella stampa grafica che, a differenza dei colori video, RGB, sono fondamentali per stampare ogni tipo di immagine. L’ intento è quindi quello di fissare in maniera indelebile ciò che Luca Bash vuole esprimere dal profondo del suo io. Attraverso il progetto CMYK, la musica di Bash inizia a mettere piede nel panorama internazionale indie. Nel 2015 the duo realizzarono Single Drops, che raccoglie il singolo “Your Tomorrow” ed un brano favorito da ognuno dei 4 EP. La critica descrive questa nuova direzione al meglio: “Con una semplice base acustica, Pes aggiunge bellezza alle composizione di Bash attraverso la sua chitarra al fine di definire al meglio il proprio stile folk. Una sorta di fusione tra una chitarra latina e il country americano rendono unico il loro stile, specialmente per due italiani di provincia. Attraverso il suo viaggio musicale, Luca Bash è rimasto solido nella sua ricerca: cercare il link con il suo pubblico attraverso una vera e pura espressione della sua visione del mondo. Attraverso i suoi testi, che delineano il nocciolo di cosa significa essere ancora vivo, e grazie ai sui esperti manufatti chitarristici evidenti nei suoi brani, Bash continuerà la sua ricerca, provando nuove vie con ogni pubblicazione per collegarsi con i fan e gli amanti della vita. La ricerca è per un sorriso cosciente, un respiro profondo, un “Bravo!” e questo è più che sufficiente per guidare questo appassionato cantautore.

Contatti e social

FACEBOOK www.facebook.com/pg/lucabash.art/about/?ref=page_internal

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 05 Maggio 2021
Silvana Grippi . 05 Maggio 2021
Mentre facciamo l'archivio ho trovato un frammento della poesia di Andrea Cecchin (in quei tempi era umanista) nato il 14 otobre del 1964 e  che si suicidò nel giugno del 2011. Mi ricordo di lui come un giovane sempre allegro e pieno di speranze...
simone fierucci . 05 Maggio 2021
  Da 6 giorni in Colombia si susseguono proteste sociali per denunciare la situazione drammatica della popolazione . La pandemia del "coronavirus" ha accentuato le disparità economiche e sanitarie che da decenni subiscono le classi sociali più ...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
  SCOPRI la GALLERIA per il bicentenario della morte di Napoleone i primi due appuntamenti Giovanni Cipriani, l’Annunciazione di Alessandro Allori e le soppressioni Napoleoniche da mercoledì 5 maggio Carlo Sisi, Lorenzo Bartolini il rilievo con...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
riceviamo e pubblichiamo RIAPRE IL MUSEO GALILEO con ingresso e visite guidate gratuiti Da martedì 4 maggio il Museo Galileo torna ad accogliere i visitatori con visite guidate gratuite per gruppi di 10 persone. In attesa della regolare riapertur...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
riceviamo e pubblichiamo Da Fondazione CR Firenze 2 milioni di euro per sostenere i giovani ricercatori fiorentini Potranno partecipare al bando i Dipartimenti dell’Università di Firenze, gli Istituti del Consiglio Nazionale per la Ricerca e g...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
‘Patto per la Cultura per Firenze’:da Fondazione CR Firenze e Intesa Sanpaolo1,32 milioni di euro alle realtà del territorio Delle risorse stanziate: 810 mila euro andranno a supportare21 progetti di operatori culturali della Città Metropolitana di ...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
riceviamo e pubblichiamo NUOVE SALE CON ALCUNI CAPOLAVORI DEL CINQUECENTO MAI ESPOSTI, IL “PRIMO ASSAGGIO” DEGLI AUTORITRATTI E RIVOLUZIONE ANTICODE NELL’ACCESSO AL MUSEO: RIAPERTURA IN GRANDE STILE PER GLI UFFIZI 14 stanze traboccanti di 129 opere...
Silvana Grippi . 03 Maggio 2021
Galleria DEA  Via Alfani 16/r Firenze  presenta Exibition Gioielli di Eby/Designer   Lavori fatti a mano - Pezzi unici Esposti da Novembe 2020 ad Aprile 2021   Esposizione On line  www.ETSY.com/Themagiclamp   ...

Galleria DEA su YouTube