DEApress

Tuesday
Feb 27th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

“Una lettura eretica delle favole”

E-mail Stampa PDF

Si parte da un interrogativo: le favole di Jean de La Fontaine furono scritte con l’intento di ammaestrare gli uomini sui vizi e le virtù, «oppure siamo autorizzati a leggerle anche trascurando la morale?» Il La Fontaine che ne emergerebbe sarà un uomo liberato dagli storici paludamenti o un autore deprivato del suo spirito originario?

È scegliendo la più “eretica” tra le risposte, che Piera Mattei imposta la sua rilettura del grande classico della tradizione francese, facendone non più il propinatore di una morale «spesso pedantesca, spesso ristretta nei confini angusti del senso comune», ma un sottile indagatore della natura umana ed animale, capace di coglierne con sguardo ironico e disincantato i pregi e difetti. Il tutto mantenendo il più possibile “leggera” la narrazione, cercando in primo luogo di divertire il lettore – obiettivo certo ben lungi dalla proverbiale pesantezza dei discorsi morali. E per completare l’ereticità dell’operazione, Piera Mattei offre al lettore alcune personali traduzioni delle favole.

Sembrerebbe insomma che il La Fontaine descritto in questo breve volume sia altro da quello celebrato nella storia della letteratura francese, ma nient’affatto!, è proprio la vicenda esistenziale dell’autore, sono i suoi scritti e commenti a scagionare la “lettrice eretica” dall’accusa di contraffazione. Lungi dalle più facili interpretazioni, le favole di Jean de La Fontaine sono «avventure disegnate con tratti leggeri», finalizzate non tanto alla presentazione di una regola morale stabile e definita, quanto piuttosto alla descrizione della ricchezza e imprevedibilità dei rapporti tra le specie animali – uomo compreso. Non sarà quindi un caso se le piacevoli illustrazioni che accompagnano il testo ritraggano due asinelle che si muovono nel paesaggio circumetneo: oltre a rappresentare un omaggio all’asino della prima favola citata, esse testimoniano anche del forte interesse dell’autrice per gli affetti e i legami spirituali (sono entrambe incinte, forse madre e figlia, e si muovono «in consonanza»).

Passando poi alla “sostanza” del libro, tre sono le tematiche che ne strutturano i capitoli: «Il dramma della sproporzione», che racconta di quelle affinità spirituali tra uomini e animali, compromesse però dalla sproporzione del gesto che tenta di suggellarle; «I gatti: amicizie e passioni», che propone una vera “psicologica dei felini”, servendosi della guida e della sensibilità “etologica” di La Fontaine; «La morte, come evento repentino e come attesa», che presenta infine quello che è forse il più assiduo tra i protagonisti delle favole, non mancando di riferimenti alla grande tradizione italiana. Tutte queste sezioni sono poi accompagnate da ampi assaggi della poesia lafontainiana, riproposta in versione originale e nella traduzione di Piera Mattei – una traduzione attenta e curata, che privilegia decisamente il senso sul suono, rinunciando spesso alla “letterarietà” per aiutare il lettore nell’interpretazione del testo.

Conclusa la lettura del breve saggio (55 pagine in tutto), resta forse una certa insoddisfazione di fronte ai tanti spunti che ha offerto senza svilupparli pienamente. Ma il desiderio di riprendere il testo di La Fontaine, per confrontarsi con esso – magari nella versione originale – con una curiosità rinnovata, è prova della piena riuscita di questa piccola operazione letteraria.

Per DEApress, recensione di Simone Rebora

Jean de La Fontaine
“Una lettura eretica delle favole”
saggio e traduzioni di Piera Mattei
Roma, Superstripes Press, 2011 (collana gattomerlino)
pp. 56 – euro 7,00

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Aprile 2012 13:40 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 27 Febbraio 2024
La  Famiglia Langone che viveva a Bamako era stata rapita il 19 mggio del 2022 e finalmente è stata liberata. 
Silvana Grippi . 27 Febbraio 2024
Nel lavoro di costruzione dell'Archivio D.E.A., abbiamo trovato queste foto e deciso di condividerle con voi.                             ...
Silvana Grippi . 26 Febbraio 2024
Il Centro socio-culturale D.E.A (Didattica-Espressione-Ambiente) lavora come volontariato per organizzare: Convegni, Forum e Dibattiti sui problemi socialmente utili.  Denunce socio-ambientali. Propone Mostre di Artisti e Fotografi.&...
Silvana Grippi . 24 Febbraio 2024
Manganellate agli studenti - La redazione DEApress esprime la solidarietà ai giovani studenti che sono stati rincorsi e picchiati mentre manifestavano dissenso. Siamo in un momento reazionario e insofferente verso ogni manifestazione contro il pote...
Silvana Grippi . 24 Febbraio 2024
la Repubblica Milano - Recensiamo questo articolo di Giorgia Notari    Una macchina rossa, devastata da chicchi di grandine, porta sul cofano la scritta “Climate change doesn’t exist”.E’ quella che campeggerà nei ...
Silvana Grippi . 23 Febbraio 2024
Fabrizio Cucchi . 23 Febbraio 2024
Silvana Grippi. laureata in Lettere con una tesi sul Sahara occidentale oggi è una giornalista e scrittrice. Oltre ad essere una viaggiatrice è anche una studiosa di luoghi inconsueti. Fin dai suoi primi viaggi, curiosità e  interesse la portano...
Silvana Grippi . 22 Febbraio 2024
    SIAMO QUI ascolta figliol* un tempo quando odoravamo di verovolevamo rovesciare tuttoperché da grandi volevamo fare le persone felici fummo quello che si racconta f...
Silvana Grippi . 21 Febbraio 2024
Le città in abbandono – visioni e strategie   L’agenzia Deapress dal 1990 lavora come laboratorio di indagine sull’ambiente e in particolare sul territorio fiorentino, con inchieste e reportage sviluppati nel settore della comunicazione a...

Galleria DEA su YouTube