DEApress

Wednesday
Jun 29th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

I fumetti negli anni settanta

E-mail Stampa PDF

Daniele Barbieri, tra i più noti studiosi del fumetto in Italia, assegna ad un paragrafo dell’ottavo capitolo del suo libro Breve storia della letteratura a fumetti un titolo molto efficace per introdurre la discussione sul fumetto italiano degli anni Settanta: “La rivoluzione di Linus”. Linus, come gli amanti della Nona Arte certamente ricorderanno, è uno dei protagonisti dei Peanuts di Schulz, celeberrima striscia comica nata nel 1950, il cui stile nitido e minimale costituirà la fortuna dell’autore. È proprio con una conversazione sui Peanuts che si apre il primo numero del mensile Linus, uscito nell’aprile del 1965 per volontà e sotto la direzione di Giovanni Gandini. Protagonisti della conversazione sono intellettuali interessati in diversa misura e maniera al mondo del fumetto: Umberto Eco (docente del DAMS, fucina di talenti artistici, e suo cofondatore), Elio Vittorini e Oreste Del Buono, che diventerà poi il direttore della rivista, quando quest’ultima assumerà un taglio più politico e movimentista. L’aspetto rivoluzionario di Linus non è tanto legato alla scelta del fumetto come materia principale, quanto all’approccio con il quale esso viene trattato: la rivista lo considera e lo tratta come una rivista letteraria considererebbe il romanzo, secondo un approccio che Barbieri definisce “storico-critico”. Questa parentesi negli anni Sessanta sarà dunque essenziale per aprire la strada a un nuovo modo di considerare i fumetti, che non abbandonano il loro carattere ludico-ricreativo, ma acquisiscono anche uno spessore e una dignità letteraria mai ottenuti prima. Oltre ad autori americani e francesi, su Linus appaiono i primi fumettisti italiani, come Guido Crepax, Sergio Toppi, Dino Battaglia e, dal 1972, Hugo Pratt e il suo Corto Maltese. È su quest’onda di “legittimazione” del fumetto come forma artistico-letteraria che si muoverà anche la Francia, i cui autori e artisti sono in stretto dialogo con quelli italiani. La consuetudine di pubblicare i supplementi a Linus si traduce nel 1974 nella creazione di una testata parallela, AlterLinus, destinata a serie di carattere fantastico. Il quadro inizia ad evolversi attorno alla metà del decennio. L’evento che modificherà la rotta è la pubblicazione su Il mago di una storia di Filippo Scòzzari – sotto pseudonimo – nel 1976: Ripresa registica di avvenimento agonistico. Scòzzari è il componente più anziano di un gruppo di giovani autori che diventeranno i protagonisti indiscussi del fumetto italiano degli anni Settanta: siamo a Bologna, nel pieno dei fermenti politici e culturali del Movimento studentesco, e il fumetto assume qui il valore di mezzo di comunicazione rapido ed efficace e, soprattutto, libero dai condizionamenti di mercato. Quella sfumatura politico-sociale che Linus aveva dato alla Nona Arte diventa in questo contesto un carattere essenziale. Nel 1977 il gruppo fonda la rivista Cannibale (“per dare l’idea di qualcuno che ha molta fame”): Stefano Tamburini, Tanino Liberatore, Massimo Mattioli, Andrea Pazienza e, ovviamente, Scòzzari, domineranno la scena artistica e culturale di quegli anni. Gli stessi artisti, legati alle istanze delle avanguardie che avevano incontrato durante la loro formazione artistica, parteciperanno poi all’esperimento satirico de Il Male(1978-81). Il fumetto ha da ora in poi un carattere conturbante, immorale, irriverente, scorretto al massimo delle sue potenzialità, estremo: un carattere che respinge, talvolta, ma che molto spesso attrae. Sono molti i giovani – e non solo – e gli intellettuali che si identificano nei personaggi e nelle frasi racchiuse nei balloons scarabocchiati dai Cannibali della Traumfabrik. È proprio su Alter che farà il suo debutto Andrea Pazienza, con Le straordinarie avventure di Pentothal, in uno stile che è fortemente debitore all’underground americano e alla psichedelia di Moebius. Lo stesso gruppo, dal 1980, sarà protagonista del progetto Frigidaire, caratterizzato dalla stessa attitudine irriverente di Cannibale. Potremmo, dunque, definire il fumetto italiano degli anni Settanta una neoavanguardia artistica a tutti gli effetti. Con le avanguardie, che hanno caratterizzato la storia dell’arte occidentale nel Novecento, ha in comune il desiderio, o meglio, l’urgenza di cambiare il modus operandi generalmente accettato e di evadere dalla “gabbia” della norma e della disciplina, la necessità di rendere l’arte sempre e comunque espressione dell’interiorità più profonda e, soprattutto, uno strettissimo legame con la realtà in ogni suo aspetto: è proprio questa la chiave del successo di massa dei Cannibali del ’77, la creazione di un mondo fatto di matite e pennarelli che era un perfetto resoconto dell’epoca in cui erano immersi, e in cui era perciò inevitabile identificarsi.

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 18 Maggio 2022 11:58 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 28 Giugno 2022
Riceviamo e pubblichiamo: "COMUNICATO STAMPA: 1 luglio 2022 secondo SCIOPERO del personale in APPALTO di Archivio Storico e Biblioteche del Comune di Firenze Firenze: Secondo sciopero generale per le lavoratrici e i lavoratori in appalto dell’Archi...
Silvana Grippi . 28 Giugno 2022
Riceviamo e pubblichiamo La vita di Giorgio La Pira in una biografia pubblicata dalla Firenze University PressIl 30 giugno in Via Laura la presentazione del volume edito dalla casa editrice di Unifia cura di Giovanni Spinoso e Claudio Turrini Propo...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
Giornata di lotta e musica alla GKN                                                    Articolo di  Massimil...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
In preparazione catalogo pubblicazioni DEA dal 1991  
Silvana Grippi . 28 Giugno 2022
  Giovedì 30 giugno, alle ore 17, presso MAD Murate Art District in piazza delle Murate a Firenze si terrà la presentazione e proiezione in anteprima assoluta del film: I MAESTRI DELL’ ARCHITETTURA E DEL DESIGN: ENZO ZACCHIROLIdi ...
Silvana Grippi . 27 Giugno 2022
5 per mille al Centro D.E.A.   Cari soci, amici, lettori e conoscenti, prendete nota del nostro codice fiscale: 03938570482 da indicare per la destinazionedel 5 per MILLE. Ci aiutererete a fare progetti di solidarietà e partecipazione.Ser...
Silvana Grippi . 27 Giugno 2022
  Maria Nikiriforova nasce nel 1885 a Alexandrovsk in Ucraina (oggi Zaporizhia). All'età di 16 anni inizia la militanza nei circoli anarco-comunisti della zona. Nel 1906 viene condannata a morte dal governo zarista, pena poi co...

Galleria DEA su YouTube