DEApress

Wednesday
Aug 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il popolo kurdo in Siria

E-mail Stampa PDF

Nel nord-est della Siria, dove incombono le propaggini sud-occidentali delle catene montuose anatoliche, c'è la parte di territorio definito "Kurdistan siriano" o "Rojava". Tribù kurde sono presenti anche nella regione semimontuosa dell'est del Paese denominata Jazira (altrimenti definita Nord Mesopotamia); gli insediamenti proseguono poi all'altezza di Aleppo, dove numerosi villaggi-alveare (con i tipici tetti conici a due o tre pinnacoli) testimoniano della presenza diffusa di questo popolo.

Ai tempi dell'impero ottomano, nella regione nord-orientale, venivano reclutati nei reggimenti uomini kurdi per mantenere l'ordine nelle campagne. Dopo lo smembramento dell'impero nel distretto di Hasset a Jazira, la popolazione passa dai 40.000 abitanti del 1929 al mezzo milione di fine secolo, quando il governo tentava un progressivo popolamento delle zone circostanti mediante costruzioni di notevoli opere irrigue. Oggi i kurdi rappresentano l'11% della popolazione totale.

Per molto tempo il popolo kurdo si è trovato a cavallo di confini puramente convenzionali e le sue ataviche istanze di indipendenza sono state a lungo ignorate; la guerra civile esplosa nel 2011 e le vittorie contro lo Stato Islamico hanno generato nuove opportunità per la minoranza kurdo-siriana.

Nel 2012, a seguito dell'inasprimento della guerra siriana, le forze governative, per proteggere il cuore del paese, si vedono costrette a ritirarsi dalle aree abitate dalla minoranza kurda. Il nord-est del paese passò sotto il controllo delle milizie kurde dell'Unità di Protezione Popolare, ala militare del Partito dell'Unione Democratica. Protagonisti della resistenza di Kobanê e di numerose vittorie contro l'ISIS, i kurdi dichiararono l'autonomia dei cantoni di Afrin, Jazira e Kobanê.
Con questi importanti avvenimenti, il Kurdistan siriano ha acquisito un'effettiva autonomia politica, nei cantoni di kobanê, Jazira, Şehba e Afrin, riuniti dal 2016 nella federazione autonoma democratica Rojava (in kurdo Rojavayê Kurdistanê: "Kurdistan Occidentale").

Il "Rojava" è una federazione con un sistema repubblicano parlamentare pluralista e decentrato, diviso in quattro cantoni basati sul principio dell'autogoverno. Tuttavia, siccome la lotta allo Stato Islamico volge al termine, il governo siriano presto tornerà ad occuparsi del popolo kurdo, al quale non vuole riconoscere una totale indipendenza poiché il Kurdistan siriano è passaggio geostrategico fondamentale per gli oleodotti di petrolio e gas destinati ad arrivare in Europa. L'importanza dell'area è dovuta anche alla consistente presenza di risorse idriche e cerealicole. Di conseguenza, il riconoscimento dell'indipendenza del Rojava comporterebbe notevoli danni economici al paese.

D'altronde, il popolo kurdo è consapevole che, risolta la situazione con le ultime sacche di resistenza jihadista, il governo di Damasco tornerà a occuparsi del nord-est e si prepara a proteggere l'autonomia conquistata negli anni della guerra. Intanto, sono stati chiesti: la piena autonomia dei cantoni, l'aiuto dell'esercito governativo nella battaglia contro le forze filo-turche a Idlib e Afrin e il ritiro immediato di tutti i militanti iraniani nel paese.

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 24 Luglio 2019 18:41 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 20 Agosto 2019
   Ripreso da Repubblica del 24.07.2019 Il 23 luglio è andato in scena l'incontro nell'Ufficio Ovale della Casa Bianca tra Donald Trump ed il premier pakistano Imran Khan nel corso del quale non si sono fatte attendere varie dichiarazio...
Fabrizio Cucchi . 20 Agosto 2019
CERCHIAMO VOLONTARI PER  ARTICOLI E VARIE RUBRICHE. SCRIVETE A  REDAZIONE@DEAPRESS.COM 
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
 - DEA Agenzia di stampa onlus -  Informazione -  Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile.  Crea iniziative, opportunità di dialogo e scambi  Presenta nuovi...
DEApress . 20 Agosto 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
DEApress . 20 Agosto 2019
 Riceviamo e comunichiamo il programma di Carrara Festival con il link qui di seguito http://www.con-vivere.it/2019/wp-content/uploads/2019/08/librettoCon-vivere2019web.pdf   Nella formazione il futuroCon-vivere Carrara Festival presenta...
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
https://www.youtube.com/watch?v=9o7I1bBI0HY Abbiamo trovato su internet un video che mostra come la condizione della donna in Afghanistan, specie nelle regioni più sperdute e di confine, non sia cambiata, anzi. Nel 50% dei casi, le donne vengono co...
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
Cari lettori e lettrici, Il centro socioculturale Didattica-Espressione-Ambiente che, si occupa fin dal 1987 di rilevare situazioni di disagio emergenti da comportamenti antropologicamente corrosi e da situazioni cancrenizzate verso un pianeta che h...
Silvana Grippi . 15 Agosto 2019
Rassegna Stampa - Bianca Petrisor - 13 agosto alle ore 23:56 - A Brasilia la marcia di oltre 3.000 donne indigene, rappresentanti di circa 100 popoli, contro lo sterminio dei popoli nativi e la distruzione d...
Silvana Grippi . 15 Agosto 2019
Un documentario per far conoscere  un grande artista della pittura e dell'incisione, Emilio Vedova, vissuto e morto a Venezia (2019-2016) che è interessante da vedere , 

Galleria DEA su YouTube