DEApress

Wednesday
Aug 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confino politico (Ustica 1926/27)

E-mail Stampa PDF
Gramsci-con-altri-prigionieri-durante-il-confino-a-Ustica-nel-1927-lasantafuriosa-gramsci44-emiliano-barbucci-film.png
 
FOTO D'ARCHIVIO - Gramsci e i primi confinati arrivati ad Ustica nel 1926
 
La Mostra sul confino politico a Ustica: un’occasione per un utile esercizio sulla Memoria
 
Già presentata a Ustica nel 2015, riproposta nel 2016 nell’Istituto Peano, nel Museo delle Carceri di Torino e, nell’aprile di quest’anno, nell’Istituto di Cultura Italiana di Bruxelles, la Mostra Foto-Documentaria del Centro Studi e  Documentazione Isola di Ustica Il confino politico a Ustica nel 1926-1927 "Immotus nec iners", verrà ancora presentata al pubblico nei locali della Casa della Memoria di Roma dal 6 al 24 settembre. 
I materiali in esposizione, costituiti da fotografie e documenti provenienti da Archivi pubblici e privati, corredati di schede-guida e biografiche, vogliono riproporre la vicenda, umana e politica insieme, dei protagonisti dell’universo confinario mussoliniano realizzatosi nella piccola isola del Tirreno in seguito alla promulgazione delle leggi liberticide, in questo specifico caso il Regio decreto del 6 novembre 1926 n. 1848, con il quale viene, tra l’altro, istituito il confino come sanzione principale nei confronti dei soggetti contro il regime fascista. 
I materiali selezionati focalizzano la loro attenzione sugli anni 1926-1927, perché ritenuti i più significativi dell’intera esperienza confinaria isolana, che si concluderà solo con l’arrivo degli Alleati nell’isola il 5 agosto 1943. Vengono infatti lì relegati, proprio in quegli anni - per citare alcuni dei nomi più noti -, Angeloni, Bibbi, Bordiga, Bauer, Bencivenga, Gramsci, Maffi, Massarenti, Misuri, Parri, Romita, Alberto e Nello Rosselli, Sbaraglini, Scalarini, Schiavello … una incauta – per il regime - e straordinaria concentrazione di energie umane e intellettuali che, seppure nella cattività, seppero dare inizio, insieme a molti altri uomini e donne dei luoghi di relegazione, nelle carceri, nella clandestinità o nell’esilio, alla elaborazione di quel pensiero antifascista che trovò poi il suo apice nella Resistenza e nella Liberazione: condizione appunto evocata dal sottotitolo "Immotus nec iners" suggerito dalla iscrizione su un affresco venuto alla luce in una abitazione di confinati raffigurante una meridiana e datato luglio 1927. 
La ‘non inerzia’ di quei confinati, con la costituzione di mense, biblioteca ed una scuola, suonò come un allarme per il regime che, sulla base di fantomatiche accuse di complottismo e di fuga di massa dall’isola poi smontate in sede giudiziaria, provvide a trasferire buona parte dei confinati in altri luoghi di confino.
Le immagini colgono ambienti, aspetti, momenti e oggetti del quotidiano confinario, restituendo nel contempo lo scenario ‘fisico’ dell’isola della relegazione. Utile per un approfondimento il catalogo che fa da supporto alla esposizione.  Curatori della Mostra sono Vito Ailara e Massimo Caserta, che si sono avvalsi dell’apporto e della collaborazione di molti altri soci e sostenitori dell’Associazione usticese.
 
 
Fonti da consultare:
 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 13 Agosto 2019 17:38 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 20 Agosto 2019
   Ripreso da Repubblica del 24.07.2019 Il 23 luglio è andato in scena l'incontro nell'Ufficio Ovale della Casa Bianca tra Donald Trump ed il premier pakistano Imran Khan nel corso del quale non si sono fatte attendere varie dichiarazio...
Fabrizio Cucchi . 20 Agosto 2019
CERCHIAMO VOLONTARI PER  ARTICOLI E VARIE RUBRICHE. SCRIVETE A  REDAZIONE@DEAPRESS.COM 
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
 - DEA Agenzia di stampa onlus -  Informazione -  Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile.  Crea iniziative, opportunità di dialogo e scambi  Presenta nuovi...
DEApress . 20 Agosto 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
DEApress . 20 Agosto 2019
 Riceviamo e comunichiamo il programma di Carrara Festival con il link qui di seguito http://www.con-vivere.it/2019/wp-content/uploads/2019/08/librettoCon-vivere2019web.pdf   Nella formazione il futuroCon-vivere Carrara Festival presenta...
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
https://www.youtube.com/watch?v=9o7I1bBI0HY Abbiamo trovato su internet un video che mostra come la condizione della donna in Afghanistan, specie nelle regioni più sperdute e di confine, non sia cambiata, anzi. Nel 50% dei casi, le donne vengono co...
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
Cari lettori e lettrici, Il centro socioculturale Didattica-Espressione-Ambiente che, si occupa fin dal 1987 di rilevare situazioni di disagio emergenti da comportamenti antropologicamente corrosi e da situazioni cancrenizzate verso un pianeta che h...
Silvana Grippi . 15 Agosto 2019
Rassegna Stampa - Bianca Petrisor - 13 agosto alle ore 23:56 - A Brasilia la marcia di oltre 3.000 donne indigene, rappresentanti di circa 100 popoli, contro lo sterminio dei popoli nativi e la distruzione d...
Silvana Grippi . 15 Agosto 2019
Un documentario per far conoscere  un grande artista della pittura e dell'incisione, Emilio Vedova, vissuto e morto a Venezia (2019-2016) che è interessante da vedere , 

Galleria DEA su YouTube