DEApress

Wednesday
Jun 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La cucina fiorentina

E-mail Stampa PDF
La cucina Toscana fiorentina rientra nella cucina regionale italiana, tra le più virtuose eccellenze gastronomiche italiana.
 
La cucina italiana è una cucina regionale e non una cucina tipica nazionale: ogni regione o luogo d'Italia ha una sua specifica peculiarità e diversità. 
E' stata fondata almeno ufficialmente da un noto giornalista scrittore livornese, Pellegrino Artusi.
L
a cucina fiorentina è una cucina povera, dei bassi strati sociali, contadini ecc ecc., non è una cucina di lusso.
La Bistecca alla fiorentina, a dispetto del nome, non è un piatto tipico fiorentino, è una invenzione geniale catturata nel dopoguerra da qualche illustre ristoratore fiorentino. Si dice da trattoria Buca Lapi chi da un altro trattoria famosa. Cosa è la super famosa Bistecca alla fiorentina?
È una semplice fetta tagliata grossa dalla mezzena costola del bovino, e comprende anche una parte del filetto. L'osso del bovino forma una T. 
Gli americani la chiamano T- bone steak e i cavalieri inglesi del 500  e oltre la chiamavano beef- steak. Ma non è una invenzione o creazione fiorentino semplicemente perché nella antichità Firenze era sempre sotto guerre e assedi vari e i pochi bovini venivano usati per il lavoro nei campi e lavoro vario. Ripeto, la cucina tradizionale fiorentina è una cucina povera. I ricchi o nobili mangiavano molta cacciagione, quasi sempre cacciagione a farli venire la gotta. Avevano molti di loro la gotta. Non esistevano farmaci allora. Ecco perché indossavano abiti che coprivano completamente le maniche delle braccia e gambe. I poveri non avevano questo problema. È già molto se riuscivano a cibarsi di un piatto di lenticchie o fagioli. 
 
Ritorno al tema, il piatto forte a Firenze è la ribollita. Una minestra con pane vecchio secco ,e tutto le verdure e legumi che si trovavano in zona. E poi vicino alle radure boschive in inverno o vicino inverno c'era sempre questo fogliame nero ceruleo verdastro con radice arborea legnosa, era un vegetale della grande famiglia del verze cavolo, il cavolo europea era come un pallone ma questo in Toscana o centro italia non c'era. Era in padana o le grandi pianure della vistola o Danubio. Noi a Firenze avevamo il cavolo nero? E lo si metteva dentro questa zuppa di pane. Si toglieva la parte legnosa della pianta , e poi si lasciava questo intingolo di pappa riposare in zona fresca almeno 2 giorni. Come riserva di cibo. Dopo tutto si addolciva, il pane secco ammorbidito nell' intingolo secernava ( buttava via) tutto l'amido farinaceo di troppo e il piatto diventava un sogno di gusto.
Dimenticavo come tutti i piatti tipici, se lo fai altrove, ad esempio a new York, non ha lo stesso gusto e sapore. 
Poi c'è la storia del pane a Firenze senza sale. Si è detto e scritto di tutto, tutte le teorie e mezze verità di come è nato ed il perché. La storia del famoso assedio di Carlo quinto, la storia delle guerre per il sale tra Pisa e Firenze, la storia del sale salario paga dei soldati, e infine la storia del pane come contorno o companatico alla gia gustosa e saporita cucina. Come il riso bollito per orientali una guarnizione di accompagnamento o le patate al resto del occidentali. Il pane non deve essere il piatto principale ma l'accompagnamento.
Io sposo la verità ultima:il pane è un soggetto di sostegno e non il soggetto ( cibo).
Zuppa inglese. O Zuppa degli inglesi. 
 

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 13 Aprile 2024 10:52 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 19 Giugno 2024
Una donazione per continuare a informare, formare  e publicare in modo libero indipendente e senza pregiudizi   Attraverso la dichiarazione dei redditi è possibile devolvere una quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF...
DEAPRESS . 19 Giugno 2024
    XVIII Festival Mediamix Senza confini Festival Mediamix al Parterre: si concluderà sabato 22 giugno il festival fiorentino giunto alla sua XVIII edizione. Tre giornate di incontri, proiezioni e mostra delle ...
Antonella Burberi . 17 Giugno 2024
riceviamo e pubblichiamo Al via la XII edizione del Balagan Café: “Dove comincia la pace” La speciale kermesse culturale estiva in programma alla Sinagoga di Firenze per creare spazi di convivenza e dialogo: dal 20 giugno al 5 settembre ritornano ...
DEAPRESS . 17 Giugno 2024
  L'Associazione " i 2 colli" è felice di INVITARVI VENERDì 21 GIUGNO presso la nostra galleria, in occasione della Mostra Collettiva "La mia forza è il colore" alSEMINARIO "MAGIA E MISTERO DEL COLORE" a cura dell'artista MARCO ERACLI????????...
Antonio Desideri . 17 Giugno 2024
Dopo sei anni di attesa, è tornato in questi giorni in libreria il commissario Adamsberg, creatura romanzesca della scrittrice francese Fred Vargas. Il nuovo romanzo si intitola Sulla pietra, è uscito in Italia come tutti gli altri per Einaudi, ed ha...
Silvana Grippi . 15 Giugno 2024
FESTIVAL MEDAMIX 2024 PROGRAMMA dei premiati  Apertura mostra 19 giugno 2024 dalle 20,30   Due serate con Moreno Torricelli presenta Fabrizio Pieraccioni  - Avventure nel mondo MERCOLEDI   19 ore 20.30 –&nb...
Antonio Desideri . 14 Giugno 2024
Scandicci, auditorium del centro Rogers, venerdì 14 giugno. Legambiente organizza il Forum Mobilità per ragionare concretamente su come immaginare e realizzare modi di spostarsi differenti e, soprattutto, sostenibili sia per l'ambiente che per la qua...
DEAPRESS . 13 Giugno 2024
Riceviamo e pubbichiamo Giovedì 13 giugno alle ore 19.30 sarà ospite del GF Cupolone Alessandro Cinque, fotoreporter italiano di fama internazionale. Abbiamo avuto la fortuna di "intercettarlo" nei pochi giorni in cui si fermerà a Firenze e a prop...
Fabrizio Cucchi . 12 Giugno 2024
Venerdì prossimo, alle 17.30 di fronte alla chiesa di San Miniato al Monte (a Firenze) partirà una manifestazione che terminerà in piazza Indipendenza, dove, da circa una settimana, un gruppo di lavoratori della ex-GKN è in presidio permanente (con...

Galleria DEA su YouTube