Associazione Socio-Culturale Didattica Espressione Ambiente
Via Borgo Pinti 42/r 50121 Firenze Tel/Fax 055/2342238


STATUTO


home page

chi siamo

attività

calendario iniziative

statuto

contatti

links

ART.1

E' costituita l'Associazione denominata "CENTRO SOCIO-CULTURALE D.E.A"PER LA DIDATTICA, l'espressione, l'ambiente

ART.2

L'associazione ha sede in Firenze,via Borgo Pinti n°42

ART.3

L'associazione ha durata illimitata, lo scioglimento, in caso di impossibilità di raggiungimento degli scopi sociali, è deliberato dall'Assemblea dei soci con la maggioranza dei due terzi.
L'associazione, con la stessa maggioranza, delibererà anche in ordine alla devoluzione del patrimonio, provvedendo all'eventuale nomina di uno o più liquidatori.



FINALITA' DELL'ASSOCIAZIONE


ART.4

L'associazione,escluso ogni fine di lucro, ha come scopo di favorire lo sviluppo della cultura e dell'arte oltre che di intervenire in tutti quei problemi che la società moderna, da più parti,acutamente avverte, attraverso lo svolgimento d'iniziative atte a creare:formazione, informazione o controinformazione,sviluppando dibattiti, corsi, inchieste,seminari,ecc....
L'associazione inoltre, cerca di soddisfare esigenze utili per la partecipazione dei suoi soci alla dinamica,sempre più veloce,del progresso in rapporto con l'ambiente.

Sia in Italia che all'estero, anche di supporto ed in collaborazione con le altre strutture simili già esistenti,l'Associazione intende promuovere:

a)sul piano personale:il raggiungimento di una sempre maggiore consapevolezza delle potenzialità della persona e del suo giusto equilibrio in tutto l'ecosistema,fornendo nel contempo agli associati i mezzi,i metodi e le tecniche più idonee e moderne per il conseguimento di una profonda conoscenza,sia soggettiva che oggettiva,e una maggiore capacità di autodeterminazione e autogestione nel rispetto della natura e di tutte le sue componenti;
b)sul piano sociale:il conseguimento di un armonico equilibrio tra individualità e creatività del singolo e realtà socio- artistica- storica- econonomica- ecologica- geografica, in un quadro di rapporti interpersonali in sintonia con i più alti valori dell'umanità.


L'associazione, in particolare, si occupa di:
1)DIDATTICA-Rendere agevole e facile l'accesso e la partecipazione a scuole, corsi di formazione,seminari,convegni di studio,conferenze,mostre ecc... promuovendo e organizzando quelle possibili in seno all'Associazione stessa
Gestire lezioni audiovisive a vari livelli per la sensibilizzazione ai problemi sociali ed ecologici.
2)ESPRESSIONE- Sviluppare nuove forme,tecniche e metodi di espressione sia tecnica che artistica che letteraria,usando nuove tecnologie e fornendo agli associati mezzi ed indicazioni sugli organismi,enti,società e privati,che agiscono nei vari settori.
Si impegna inoltre a sviluppare incontri-dibattiti,pubblicazioni,traduzioni,esposizioni,meeting,inchieste,sondaggi ecc...atti alla diffusione di conoscenze reciproche di opere dell'ingegno artistico- letterario e del lavoro nel mondo.

3)AMBIENTE-Svolgere opera di educazione ed informazione su tutti i continenti nonchè sui problemi di convivenza fra i vari paesi e i loro rapporti con l'Italia. Intervenire come opera di sensibilizzazione per la ricerca del superamento di problemi quali:la fame, le malattie.le guerre,i disastri ecologici,ecc...e per l'integrazione sociale di tutte le razze.Far conoscere i problemi del mondo è un primo passo per combattere l'ignoranza che porta al degrado ambientale e sociale

4)La didattica,l' espressione e l'ambiente rappresentando un quadro di insieme non possono essere scissi come singoli problemi. L'associazione vuole rendere più agevole agli associati l'applicazione delle tecniche e dei metodi appresi,offrendo loro la possibilità di riunirsi in gruppi di studio guidati in modo da conseguire la pratica e la sperimentazione per il più facile raggiungimento dei risultati.Ulteriori compiti dell'Associazione sono:
a)favorire la conoscenza e l'accesso alle iniziative e servizi esistenti in campo sociale contribuendo a far superare tradizionali preconcetti e diffidenze per lo più dipendente da disinformazione.
b)partecipare, promuovere o aderire ad attività di altri organismi nazionali ed esteri,Associazioni,Fondazioni,Enti pubblici e privati, Organizzazioni e Studi in genere che operino in sintonia con gli scopi dell'Associazione realizzando programmi di collaborazione ed aggiornamento nei campi di interessi comuni oltre che goderne eventuali vantaggi per i soci;
c)svolgere, in generale, ogni attività che, specialmente attraverso un'impostazione positiva della vita,conduca all'autorealizzazione intesa come attuazione concreta delle potenzialità(es.tecniche di sperimentazione, dinamica comportamentale dei bambini ecc...).
d)favorire, promuovere e organizzare attività associative per il tempo libero con finalità ricreative come momento di incontro,organizzando attività turistiche e ricettive a favore degli associati e dei loro familiari in accordo con la Legge nazionale N°217 e particolarmente volte alla conoscenza etnica, geografica ,culturale e ambientale di tutti i popoli;
e)organizzare servizi di assistenza, in supporto alle altre strutture sociali esistenti, particolarmente rivolti a:- portatori di handicapas - infanzia abbandonata e maltrattata - ex- tossicodipendenti -anziani-detenuti- nomadi ed altri,per dare loro motivi di più alti valori di inserimento reinserimento socio- culturale artistici;
f)ricercare e offrire spazi espositivi per mostre personali o collettive per quanti,al di fuori di lucro immediato(vendite)vorranno far conoscere le loro opere di ingegno,arte cultura, lavoro;
g) predisporre ed istituire centri di documentazioni anche storica, nel campo delle arti visive(cine-fotografiche,diapositive,video,TV,cartografia ecc...)a servizio dei soci e centri di pubblica lettura;
h)provvedere e curare sia direttamente che indirettamente la pubblicazione, l''acquisto,la distribuzione di periodici e non,e qualsiasi mezzo e materiali di comunicazione di interesse socio-culturale -artistico a beneficio dei soci e di quanti altri interessati(edizioni fotografiche, fonografici, registrazioni, libri, ecc...)
i)fornire informazioni,consulenze,orientamenti,dati,e indicazioni utili ai giovani che vogliono seguire corsi universitari o di altro genere, o sono alla ricerca di nuove occasioni di lavoro o professione;
l)l'associazione si propone di mantenere vivo il ricordo dell'ex Teatro Scribe (che ebbe come sua prima sede lo stesso locale dove, nell'88,ha iniziato l'attività la nostra associazione) promuovendo, favorendo e organizzando ogni attività atta all'eventuale mantenimento o ripristino di antiche tradizioni popolari e forme di spettacolo e di cultura per portarli a conoscenza delle nuove generazioni(opere di pupi, marionette, danza,mimica,musica,ecc...).

ART.5


Qualsiasi servizio o attività che si svolgerà attraverso la nostra organizzazione tecnico-amministrativa potrà anche essere autogestito da altri Organismi,Associazioni,Enti pubblici e privati che ne faranno richiesta scritta al Consiglio Direttivo e che se ne assumeranno ogni onere.


DEI SOCI


(ART.6 L'associazione è composta da soci fondatori(risultati dell'atto costitutivo) e soci ordinari.Il Consiglio Direttivo può prevedere speciali programmi e/o costituzione di gruppi fra soci ordinari a favore di giovani, anziani,familiari.ecc...).


Modifiche deliberate dall'assemblea ordinaria del 31/03/1988.

ART.6

L'associazione è composta:
1)soci fondatori(risultanti dall'atto costitutivo);
2)soci onorari;
3)soci benemeriti o sovvenzionatori;
4)soci ordinari.
Il Consiglio Direttivo può prevedere speciali programmi e /o costituzione di gruppi fra soci ordinaria favore di giovani, anziani,familiari ecc...
Il C.D. stabilisce modalità e meriti per ottenere la qualifiche cui punti 2 e 3.


ART.7

Possono essere soci dell'Associazione persone fisiche interessate nonchè Enti di qualsiasi natura che svolgono attività analoghe e connesse a quella nostra, oppure utili, in qualsiasi modo, agli scopi dell'Associazione.
La tessera intestata impersonalmente all'Ente,Associazione o società annessa(rappresentati dai loro capi,o da persona delegata)non è trasmissibile nè modificabile per successione o trasformazione degli stessi organismi.


ART.8

Chiunque desidera far parte dell'Associazione deve indirizzare apposita domanda di ammissione al Consiglio Direttivo e versare la quota di iscrizione deliberata anno per anno dallo stesso C.D.(per l'anno1988 la quota viene fissata in 5.16euro).La quota associativa è dovuta per intero qualunque sia la data della domanda di ammissione e del rinnovo. Tuttavia,il pagamento fatto dopo il primo di ottobre potrà valere,se richiesto nella domanda, a decorrere dall'anno successivo.La richiesta d'Associazione varrà anche quale dichiarazione di riconoscimento del presente Statuto e dei regolamenti e di elezione di domicilio in Firenze presso la sede dell'Associazione.
Il Consiglio Direttivo delibera sull'ammissione del socio con la maggioranza dei due terzi.Le decisioni sono inappellabili e non necessitano.Il C.D. a facoltà anche di determinare importi e supplementi per la partecipazione a settori di attività speciali.


ART.9

Può essere escluso il socio che commetta azioni pregiudizievoli agli scopi e/o al patrimonio dell'Associazione. Il C.D delibera per l'esclusione o l'eventuale riammissione con la stessa maggioranza indicata per l'ammissione. All'escluso non verrà restituita la quota annuale già pagata.Tale quota verrà invece restituita a chi,fatta domanda di ammissione o riammissione non venga accettata per delibera del C.D. (art.8).Le dimissioni vengono accettate se fatte per iscritto entro il 31 dicembre e valgono per l'anno successivo,viceversa il socio è obbligato al pagamento
della quota che potrà essergli richiesta anche per posta con relative spese.Il socio escluso o radiato potrà ricorrere al Collegio dei probiviri entro trenta giorni dalla comunicazione.

ORGANI ISTITUZIONALI


ART.10

Gli organi istituzionali dell'Associazione sono:
a)l'Assemblea;b)il Consiglio Direttivo;c)il Presidente;d)il Collegio dei revisori dei conti;e)il Collegio dei probiviri.
Gli organi sociali vengono eletti dall'Assemblea dei soci.


ART.11

All'Assemblea possono partecipare tutti i soci in regola con le quote sociali.Sono ammesse deleghe a due per socio.Le convocazioni dell'Assemblea ordinaria devono essere fatte mediante lettera da inviarsi almeno 15 giorni prima della data fissata per la convocazione della stessa, ovvero mediante avviso all'Albo dell'Associazione nella sua sede almeno30 giorni prima.Tale avviso potrà essere ripetuto nel Bollettino notizie dell'Associazione se ne verrà disposto l'invio a tutti i soci.
L'Assemblea ordinari deve essere convocata almeno una volta l'annoentro il31 marzo per l'approvazione del bilancio e degli indirizzi dell'attività sociale.
L'Assemblea straordinaria deve essere convocata dal Presidente, da uno dei due vicepresidente,dal Consiglio Direttivo per sua iniziativa o se richiesta dal Collegio dei revisori o almeno dal 25%dei soci dell'Associazione.
Le assemblee ordinarie e straordinarie devono essere convo0cate nella città di Firenze.In seguito potranno anche avvenire per votazione "ad referendum"indette fra tutti i soci con modalità che stabilirà il C.D.


ART.12

L'Assemblea nomina, tra i soci presenti, il presidente,un segretario e due scrutatori che firmeranno il verbale.
Nelle assemblee ordinarie è necessaria la maggioranza più uno dei votanti.Le assemblee saranno valide quando è presente o, rappresentato per delega, il 51% dei soci aventi diritto al voto, se in prima in convocazione, e qualunque sia il numero dei soci votanti in seconda convocazione.
Con le stesse suddette maggioranze,l'Assemblea ha la facoltà di integrare o modificare lo statuto sociale.

CONSIGLIO DIRETTIVO


(ART.13 A dirigere ed amministrare l'Associazione è preposto un Consiglio Direttivo formato da sei consiglieri eletti dall'Assemblea tra i soci capaci di obbligarsi.Spetta al C.D. determinare un numero maggiore di componenti nel caso di ampliamento dell'Associazione,con un massimo di quattordici membri.)

modifiche deliberate dall'Assemblea ordinaria del 31/03/1992


ART.13

A dirigere ed amministrare l'Associazione è preposto un Consiglio Direttivo formato da 8 consiglieri eletti dall'Assemblea tra i soci capaci di obbligarsi.Spetta al C.D determinare un numero maggiore di componenti nel caso di ampliamento dell'Associazione, con un massimo di 14 membri.


ART.14

Il C.D. elegge fra i suoi membri uno o due vicepresidenti, un segretario ed un tesoriere.Può eleggersi altresì un Comitato Esecutivo per un migliore funzionamento dell'Assemblea.

ART.15

Facendo salve le competenze riconosciute all'Assemblea dal presente statuto, il C.D è investito senza eccezioni di tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione dell'Associazione, con facoltà di disporre in materia tanto mobiliare che immobiliare ed in genere di compiere ogni atto che si ritenga necessario o utile per il conseguimento degli scopi dell'Associazione medesima.Spetta al C.D deliberare ogni opportuno regolamento e programmare l'incarico per il funzionamento dell'Associazione e dei suoi organi.Il C.D. delibera anche per l'eventuale distribuzione ai soci di pubblicazioni, medaglie o altri oggetti o premi allo scopo di stimolarne e favorirne l'iscrizione.Inoltre il C.D. stabilisce le date per proprie riunioni e per quelle dell'Assemblea delle quali esegue le delibere,assume e licenzia l'eventuale personale dipendente fissando rapporti e retribuzioni secondo le leggi vigenti.Il C.D. può deliberare altri incarichi, per lo svolgimento di varie attività che possono essere retribuite nell'ambito del lavoro autonomo o di subordinazione col rispetto delle leggi vigenti.

ART.16

Il C.D. dura in carica 2 anni.Esso è regolarmente costituito quando vi partecipi i due terzi dei suoi componenti.Le delibere del C.D. sono prese a maggioranza semplice dei votanti, in caso di parità dei voti prevale il voto del Presidente. In caso di decadenza di un consigliere ovvero di incompatibilità di cariche, il consiglio eleggerà al suo posto il primo dei non eletti e così di seguito.
La carica di consigliere è "ad personam" e quindi non può essere delegata. Se nel corso del biennio vengono a mancare uno o più Consiglieri. questi vengono sostituiti elettivamente dall'Assemblea.In ogni caso i nuovi Consiglieri scadono insieme a quelli che sono in carica all'atto dellla loro nomina.Se nel corso del biennio vengono a mancare Consiglieri in numero superiore alla metà,il Presidente deve convocare l'Assemblea per nuove elezioni.


ART.17

Il Presidente ha la rappresentanza legale dell'Associazione e firma gli atti ufficiali e contabili, presiede le riunioni del C.D.In caso di assenza, il Presidente è sostituito a tutti gli meffetti da uno dei due vicepresidenti.

ART.18

I Vicepresidenti disgiuntamente e iniziando dal più anziano sostituiscono il presidente anche con la firma sociale.La firma di uno dei vicepresidenti costituisce la prova dell'assenza o dell'impedimento del Presidente.

ART.19


Il Consigliere segretario dà esecuzione alle delibere del Consiglio Direttivo, redige e conserva i verbali delle riunioni,cura la tenuta dei libri sociali, provvede all'organizzazione delle attività dell'Associazione.

ART.20


Il Consigliere tesoriere cura l'amministrazione dell'Associazione secondo le delibere del C.D., e particolarmente tiene la cassa sociale e i libri contabili, i rapporti con il fisco e ne è responsabile di fronte al Consiglio.

COLLEGIO DEI REVISORI

ART. 21

Il Collegio dei revisori dei conti è composto da tre membri effettivi e due supplenti eletti dall'Assemblea dei soci, essi durano in carica 2 anni. I revisori eletti eleggono tra di loro il Presidente nella loro prima seduta.Il Collegio dei revisori dei conti ha il controllo della gestione dell'Associazione e dei fondi sociali e presenta all'Assemblea relazione scritta sia dei controlli effettuati che a chiusura del bilancio.Per motivi del suo ufficio può richiedere la convocazione dell'assemblea.

COLLEGIO DEI PROBIVIRI

ART.22

Il collegio dei probiviri arbitra inappellabilmente le vertenze che dovessero sorgere nell'ambito dell'Associazione non regolamentati e contemplati negli articoli precedenti, e non interessano uno o più soci- anche se Consiglieri- tra di loro e nella relazione con il C.D. Ne fanno parte tre membri eletti dall'Assemblea e durano in carica due anni.
Il Collegio dei probiviri è presieduto dal membro più anziano, si raduna su richiesta di uno o più soci interessati alla vertenza relativa e le riunioni sono valide purchè siano presenti tutti e tre i suoi membri.Al termine di ogni esercizio fa relazione morale da allegare al bilancio.


ART.23

I consiglieri, i revisori,i probiviri, e quanti altri abbiano incarichi sociali,decadono automaticamente dalla carica dopo tre assenze ingiustificate, nel corso di un anno,nelle riunioni alle quali devono partecipare come membri di diritto.Tutte le cariche sociali elettive sono a titolo onorifico e non possono essere cumulate nè retribuite.


PATRIMONIO SOCIALE E BILANCIO


ART.24

Il patrimonio dell'Associazione è costituito:
a)Dalle quote sociali di iscrizione deliberate dal C.D;
b)dai contributi ed erogazioni, donazioni,lasciti o successioni dei soci, dei terzi, di Enti e società sia pubblici che privati;
c)da ogni bene mobili ed immobile che diverrà proprietà dell'Associazione,
d)da eventuali proventi e fondi di riserva, costituiti con le eccedenze di bilancio o derivanti dallo svolgimento delle attività sociali.

ART.25

L'esercizio finanziario ha inizio il1gennaio e si chiude al 31dicembre di ogni anno.

ART.26

Al termine di ogni esercizio finanziario il C.D. redige il bilancio consuntivo e preventivo ed avrà cura di presentarlo entro il 31marzo dell'anno successivo con le relazioni:finanziaria dei Revisori e morale dei Probiviri.Copia conforme del bilancio dovrà essere a disposizione dei soci presso la sede sociale ed eventualmente pubblicata nel Bollettino dell'Associazione stessa.

ART.27

In caso di scioglimento dell'Associazione, l'attivo sarà erogato a scopi analoghi di quelli dell'Associazione D.E.A a seguito della deliberazione dell'Assemblea, è esclusa però una divisione fra i soci.

ART.28

Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto valgono le vigenti disposizioni del Codice Civile e delle Leggi speciali in materia.

ART.29

Per tutte le altre controversie che dovessero insorgere tra l'Associazione ed i soci, i componenti degli organi statutari ed i terzi, sarà competente il Foro di Firenze.