DEApress

Thursday
May 06th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Superlega, debiti e altre miserie

E-mail Stampa PDF

Superlega, debiti e altre miserie ....

 

In questi ultimi giorni il mondo del calcio Europeo sta dando il peggio di se . L'annuncio da parte di alcuni club inglesi , spagnoli e

italiani della volontà di creare una SuperLega Europea , una sorta di campionato di elite  fuori dalle "istituzioni " ufficiali (UEFA), ha

scoperchiato un sistema che si basa sull'indebitamento strutturale e sulla conseguente ricerca di soldi derivati dai diritti televisivi ma

non solo ; l'entrata di fondi di investimento USA fa capire in che direzione, uno sport di massa  popolare (per quel poco che ne

resta )  sta andando ,aldilà dello "sdegno" delle istituzioni sportive e politiche . In particolare i tre club italiani (Juventus. Inter eMilan)

sperano di poter appianare i loro debiti dovuti a ingaggi vergognosi per alcuni giocatori e le relative "commissioni" per i procuratori

che ormai sono i veri gestori e conduttori del gioco . Ma tutto questo diventa un'arma di "distrazione" di massa in confronto a quello

che sta succedendo in Quatar che ospiterà i prossimi mondiali di calcio ,una  situzione denunciata anche di giocatori della

Nazionale Norvegese che nutrono forti dubbi sull'opportunità di giocare in un paese non noto per il rispetto dei diritti dei lavoratori.

Pubblichiamo un interessante estratto di un'inchiesta del Guardian e ripresa da Invictapalestina che da tempo sta monitarando la

situazione dei lavoratori impegnati nella messa in opera dell'evento.

 

 

 Invicta Palestina

6.500 lavoratori migranti sono morti in Qatar mentre il Paese si prepara alla Coppa del Mondo

L’analisi del Guardian indica una cifra scioccante che potrebbe essere una sottostima, poiché i preparativi per il torneo 2022 stanno continuando,

 

Mar 23 Febbraio 2021

Più di 6.500 lavoratori migranti provenienti da India, Pakistan, Nepal, Bangladesh e Sri Lanka sono morti in Qatar da quando ha vinto il diritto di ospitare la Coppa del Mondo 10 anni fa, rivela il Guardian.

I risultati, raccolti da fonti governative, indicano che una media di 12 lavoratori migranti provenienti da queste cinque nazioni dell’Asia meridionale sono morti ogni settimana dalla notte del dicembre 2010, quando le strade di Doha erano piene di folle estatiche che celebravano la vittoria del Qatar per l’assegnazione delle gare.

I dati provenienti da India, Bangladesh, Nepal e Sri Lanka hanno rivelato che ci sono state 5.927 morti di lavoratori migranti nel periodo 2011-2020. Separatamente, i dati dell’ambasciata pakistana in Qatar hanno riportato ulteriori 824 morti di lavoratori pakistani, tra il 2010 e il 2020.

 

Il bilancio totale delle vittime è significativamente più alto, poiché queste cifre non includono i decessi di un certo numero di paesi che inviano un gran numero di lavoratori in Qatar, tra cui Filippine e Kenya. Non sono inclusi anche i decessi avvenuti negli ultimi mesi del 2020.

Negli ultimi 10 anni, il Qatar ha intrapreso un programma di costruzione senza precedenti, in gran parte in preparazione del torneo di calcio del 2022. Oltre a sette nuovi stadi, sono stati completati o sono in corso di completamento dozzine di grandi progetti, tra cui un nuovo aeroporto, strade , sistemi di trasporto pubblico, hotel e una nuova città, che ospiterà la finale dei Mondiali.

Sebbene  la registrazione delle morti non sia classificata in base all’occupazione o al luogo di lavoro, è probabile che molti lavoratori deceduti siano stati impiegati in questi progetti infrastrutturali per la Coppa del Mondo, afferma Nick McGeehan, direttore di FairSquare Projects, un gruppo di difesa specializzato nei diritti del lavoratori nel Golfo . “Una percentuale molto significativa dei lavoratori migranti che sono morti dal 2011 erano nel paese solo perché il Qatar ha vinto il diritto di ospitare la Coppa del mondo”, ha detto.

Ci sono stati 37 decessi tra i lavoratori direttamente collegati alla costruzione degli stadi dei Mondiali, di cui 34 sono stati classificati come “non legati al lavoro” dal comitato organizzatore dell’evento. Gli esperti hanno messo in dubbio l’uso del termine perché in alcuni casi è stato usato per descrivere i decessi avvenuti sul lavoro, tra cui un certo numero di lavoratori che sono crollati e sono morti nei cantieri degli stadi.

I risultati rivelano l’incapacità del Qatar di proteggere i suoi 2 milioni di lavoratori migranti, o addirittura di indagare sulle cause dell’apparentemente alto tasso di morte tra i lavoratori in gran parte giovani.

Dietro le statistiche si celano innumerevoli storie di famiglie devastate che sono state lasciate senza il loro principale capofamiglia, lottando per ottenere un risarcimento e confuse sulle circostanze della morte del loro caro.

Ghal Singh Rai dal Nepal ha pagato quasi 1.000 sterline in tasse di reclutamento per il suo lavoro come addetto alle pulizie in un campo per i lavoratori che costruiscono lo stadio Education City World Cup. Entro una settimana dal suo arrivo, si è ucciso.

Un altro operaio, Mohammad Shahid Miah, del Bangladesh, è stato fulminato nel suo alloggio dopo che l’acqua è entrata in contatto con i cavi elettrici esposti.

In India, la famiglia di Madhu Bollapally non ha mai capito come il sano 43enne sia morto per “cause naturali” mentre lavorava in Qatar. Il suo corpo è stato trovato disteso sul pavimento della sua stanza del dormitorio.

Il triste bilancio delle vittime del Qatar è rivelato da lunghi fogli di calcolo di dati ufficiali che elencano le cause di morte: ferite multiple contundenti dovute a una caduta dall’alto; asfissia dovuta all’impiccagione; causa di morte indeterminata per decomposizione.

Ma tra le cause, la più comune in assoluto è la cosiddetta “morte naturale”, spesso attribuita a insufficienza cardiaca o respiratoria acuta.

In base ai dati ottenuti dal Guardian, il 69% dei decessi tra lavoratori indiani, nepalesi e bengalesi è classificato come naturale. Solo tra gli indiani la percentuale è dell’80%.

Il Guardian ha precedentemente riferito che tali classificazioni, che di solito vengono effettuate senza un’autopsia, spesso non riescono a fornire una spiegazione medica legittima per la causa sottostante di questi decessi.

Nel 2019 è emerso che l’intenso caldo estivo del Qatar sarà probabilmente un fattore significativo nella morte di molti lavoratori. Le scoperte del Guardian sono state supportate da una ricerca commissionata dall’Organizzazione internazionale del lavoro delle Nazioni Unite che ha rivelato che per almeno quattro mesi all’anno i lavoratori hanno dovuto affrontare uno stress termico significativo quando lavoravano all’aperto.

 

Nel 2014 un rapporto degli stessi avvocati del governo del Qatar ha raccomandato di commissionare uno studio sulle morti di lavoratori migranti per arresto cardiaco e di modificare la legge per “consentire le autopsie … in tutti i casi di morte inaspettata o improvvisa”. Il governo non ha fatto nessuno dei due.

Il Qatar continua a ” essere reticente  su questa questione critica e urgente in apparente disprezzo per la vita dei lavoratori”, ha affermato Hiba Zayadin, ricercatore del Golfo per Human Rights Watch. “Abbiamo chiesto al Qatar di modificare la sua legge sulle autopsie per richiedere indagini forensi su tutti i decessi improvvisi o inspiegabili, e approvare una legislazione per richiedere che tutti i certificati di morte includano riferimenti a una causa di morte clinicamente significativa”, ha detto.

Il governo del Qatar afferma che il numero di morti – che non contesta – è proporzionato alle dimensioni della forza lavoro migrante e che le cifre includono i colletti bianchi che sono morti naturalmente dopo aver vissuto in Qatar per molti anni.

“Il tasso di mortalità tra queste comunità rientra nell’intervallo previsto per le dimensioni e la demografia della popolazione. Tuttavia, ogni vita persa è una tragedia e nessuno sforzo viene risparmiato nel tentativo di prevenire ogni morte nel nostro paese “, ha detto il governo del Qatar in una dichiarazione di un portavoce.

Il funzionario ha aggiunto che tutti i cittadini e gli stranieri hanno accesso a un’assistenza sanitaria gratuita di prima classe e che c’è stato un costante calo del tasso di mortalità tra i “lavoratori ospiti” nell’ultimo decennio a causa delle riforme in materia di salute e della sicurezza del sistema del lavoro.

Altre cause significative di morte tra indiani, nepalesi e bengalesi sono gli incidenti stradali (12%), gli infortuni sul lavoro (7%) e il suicidio (7%).

I decessi correlati a Covid, rimasti estremamente bassi in Qatar, non hanno inciso in modo significativo sui dati, con poco più di 250 morti tra tutte le nazionalità.

La ricerca del Guardian ha anche evidenziato la mancanza di trasparenza, rigore e dettaglio nella registrazione dei decessi in Qatar. Le ambasciate a Doha e i governi dei paesi che inviano manodopera sono riluttanti a condividere i dati, forse per motivi politici. Laddove sono state fornite statistiche, ci sono incongruenze tra le cifre detenute da diverse agenzie governative e non esiste un formato standard per la registrazione delle cause di morte. Un’ambasciata dell’Asia meridionale ha affermato di non poter condividere i dati sulle cause di morte perché sono stati registrati solo a mano su un taccuino.

“C’è una reale mancanza di chiarezza e trasparenza intorno a queste morti”, ha detto May Romanos, ricercatore del Golfo per Amnesty International. “È necessario che il Qatar rafforzi i suoi standard di salute e sicurezza sul lavoro”.

Il comitato che ha organizzato la Coppa del Mondo in Qatar, alla domanda sulle morti nei progetti degli stadi, ha dichiarato: “Siamo profondamente dispiaciuti di tutte queste tragedie e abbiamo indagato su ogni incidente per assicurarci che le lezioni venissero apprese. Abbiamo sempre mantenuto la trasparenza su questo problema e contestato affermazioni imprecise sul numero di lavoratori deceduti nei nostri progetti “.

In una dichiarazione, un portavoce della Fifa, l’organo di governo del calcio mondiale, ha affermato di essere pienamente impegnato a proteggere i diritti dei lavoratori sui progetti Fifa. “Con le misure di salute e sicurezza molto rigorose in loco … la frequenza degli incidenti nei cantieri della Coppa del Mondo Fifa è stata bassa rispetto ad altri importanti progetti di costruzione in tutto il mondo”, hanno detto, senza fornire prove.

Vite dietro le statistiche

Madhu Bollapally –  India

Madhu Bollapally, 43 anni, ha lasciato la moglie Latha e il figlio di 13 anni Rajesh in India per andare a lavorare in Qatar nel 2013. Non lo hanno più visto.

Una notte, alla fine del 2019, quando il suo compagno di stanza è tornato nel suo dormitorio, ha trovato il corpo di Bollapally sul pavimento. Come migliaia di altre morti improvvise e inspiegabili, la sua morte è stata registrata come insufficienza cardiaca dovuta a cause naturali.

Nonostante abbia lavorato per il suo datore di lavoro per sei anni, sua moglie e suo figlio hanno ricevuto solo 114.000 rupie (£ 1.120) in compenso e come stipendio non pagato. Rajesh non ha idea del perché suo padre sia morto. “Non aveva problemi di salute”, ha detto. “Non c’era niente di sbagliato in lui.” (Nikhil Eapen a Bangalore)

Mohammad Shahid Miah – Bangladesh

Le forti piogge che hanno colpito il Qatar alla fine di settembre dello scorso anno sono state, per molti, un inconveniente. Per Mohammad Shahid Miah  sono state una condanna a morte. La pioggia è penetrata nel suo alloggio di lavoro ed è entrata in contatto con alcuni cavi elettrici esposti. Quando Miah ha calpestato il pavimento bagnato, è stato fulminato ed è morto, ha detto suo padre al Guardian.

Miah aveva pagato un agente di reclutamento più di 3.500 sterline per assicurarsi il suo lavoro in Qatar nel 2017, una cifra enorme per una famiglia del Bangladesh rurale. Il debito è stato ora trasferito ai suoi genitori sconvolti e impoveriti, che dicono di non aver ancora ricevuto alcun risarcimento dal datore di lavoro di Miah o dal governo del Qatar.(Md Owasim Uddin Bhuyan a Dhaka

Ghal Singh Rai – Nepal

A soli 20 anni, le prospettive di Ghal Singh Rai sembravano buone. Si era appena assicurato un lavoro come addetto alle pulizie in un campo per i lavoratori che costruivano uno dei nuovi stadi della Coppa del Mondo del Qatar.

La sua famiglia aveva pagato circa £ 935 agli agenti di reclutamento per portarlo in Qatar, ma appena una settimana dopo il suo arrivo, Rai si è tolta la vita. Suo padre, Saarki Bahadur Rai, ha detto di aver sentito che qualcosa non andava e di aver cercato disperatamente di rassicurare suo figlio. “Ho provato più e più volte a convincerlo a non preoccuparsi. Gli abbiamo detto: torna a casa se non puoi lavorare lì “.(Udwab Bhattarai a Kathmandu)

Trad: Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” – Invictapalestina.org

fonte ; invictapalestina.org

 

 

 

 

 

 

 

Categorie

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Aprile 2021 11:25 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 05 Maggio 2021
Silvana Grippi . 05 Maggio 2021
Mentre facciamo l'archivio ho trovato un frammento della poesia di Andrea Cecchin (in quei tempi era umanista) nato il 14 otobre del 1964 e  che si suicidò nel giugno del 2011. Mi ricordo di lui come un giovane sempre allegro e pieno di speranze...
simone fierucci . 05 Maggio 2021
  Da 6 giorni in Colombia si susseguono proteste sociali per denunciare la situazione drammatica della popolazione . La pandemia del "coronavirus" ha accentuato le disparità economiche e sanitarie che da decenni subiscono le classi sociali più ...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
  SCOPRI la GALLERIA per il bicentenario della morte di Napoleone i primi due appuntamenti Giovanni Cipriani, l’Annunciazione di Alessandro Allori e le soppressioni Napoleoniche da mercoledì 5 maggio Carlo Sisi, Lorenzo Bartolini il rilievo con...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
riceviamo e pubblichiamo RIAPRE IL MUSEO GALILEO con ingresso e visite guidate gratuiti Da martedì 4 maggio il Museo Galileo torna ad accogliere i visitatori con visite guidate gratuite per gruppi di 10 persone. In attesa della regolare riapertur...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
riceviamo e pubblichiamo Da Fondazione CR Firenze 2 milioni di euro per sostenere i giovani ricercatori fiorentini Potranno partecipare al bando i Dipartimenti dell’Università di Firenze, gli Istituti del Consiglio Nazionale per la Ricerca e g...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
‘Patto per la Cultura per Firenze’:da Fondazione CR Firenze e Intesa Sanpaolo1,32 milioni di euro alle realtà del territorio Delle risorse stanziate: 810 mila euro andranno a supportare21 progetti di operatori culturali della Città Metropolitana di ...
Antonella Burberi . 04 Maggio 2021
riceviamo e pubblichiamo NUOVE SALE CON ALCUNI CAPOLAVORI DEL CINQUECENTO MAI ESPOSTI, IL “PRIMO ASSAGGIO” DEGLI AUTORITRATTI E RIVOLUZIONE ANTICODE NELL’ACCESSO AL MUSEO: RIAPERTURA IN GRANDE STILE PER GLI UFFIZI 14 stanze traboccanti di 129 opere...
Silvana Grippi . 03 Maggio 2021
Galleria DEA  Via Alfani 16/r Firenze  presenta Exibition Gioielli di Eby/Designer   Lavori fatti a mano - Pezzi unici Esposti da Novembe 2020 ad Aprile 2021   Esposizione On line  www.ETSY.com/Themagiclamp   ...

Galleria DEA su YouTube