DEApress

Wednesday
Aug 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tex WIller, il mito in mostra

E-mail Stampa PDF

Che Tex Willer fosse un mito questo lo si sapeva da lungo tempo. Oggi che ha compiuto 70 anni di permanenza nelle edicole italiane lo è di più poichè è dura essere vegliardi nel fumetto di casa nostra. Solo la tenacia dei Bonelli poteva presagire tanta fortuna. Tant'è che oggi, a distanza di tanti anni, la Bonelli editore è fra le più attive case editrici di storie a fumetti. E così, sopravvivendo a se stessi e passando per varie avventure , si è arrivati a celebrare la festa di Tex Willer che proprio in un tempo non facile per l'Italia, appariva nelle edicole. Nelle mitiche strisce (rare e rarissime e costose), o negli albi spillati (ancora più rari e costosi) entrarono di forza in un mercato che era ben rappresentato da tanti personaggi che si ispiravano a quelli americani. Erano soprattutto avventure e storie fra il picaresco e l'esotico. Certo si leggevano anche le storie del west ma nessuno aveva avuto l'ardire di tanto fare come Gianluigi Bonelli che insieme ad Aurelio Galleppini sdogana il suo Tex Willer, graficamente molto diverso da quello che conosciamo oggi. All'inizio il segno di Galep non è definito come lo sarà in seguito. Un pò come Magnus che inizia a creare i suoi personaggi con un segno per poi definirlo in seguito e renderlo immortale come nel Tex che realizzò prima di morire. Insomma una storia incredibile, fatta di tratti, ballons e tanta ma tanta fantasia. Il mito di Tex, dell'uomo integerrimo, un pò destrorso e certamente irreprensibile, tratteggia bene l'ideale di Bonelli. Tex non è un guascone ma è un vero paladino della giustizia. Alla quale arriva anche fra scazzottate e imprecazioni varie . E poi l'idea della famiglia tutta al maschile: padre, figlio, zio Kit. Insomma ci sono tanti tratti che evocano la storia dell'italiano eroico, in qualche modo. Al Mattatoio di Roma, la mostra celebrativa allestita dalla Bonelli propone una ampia carrellata sul mito Tex. E non solo: dalle memorabilia alle rarità, dalle tavole originali alle copertine. E poi il documentario prodotto dalla stessa Bonelli. Un percorso che serve a rinfrancare la memoria e a comprendere come in Italia una impresa di fumetti possa ancora oggi avere senso ed importanza, soprattutto quando per anni tale linguaggio veniva considerato poco importante se non proprio immorale. Oggi le cose sono fortunatamente cambiate.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 20 Agosto 2019
   Ripreso da Repubblica del 24.07.2019 Il 23 luglio è andato in scena l'incontro nell'Ufficio Ovale della Casa Bianca tra Donald Trump ed il premier pakistano Imran Khan nel corso del quale non si sono fatte attendere varie dichiarazio...
Fabrizio Cucchi . 20 Agosto 2019
CERCHIAMO VOLONTARI PER  ARTICOLI E VARIE RUBRICHE. SCRIVETE A  REDAZIONE@DEAPRESS.COM 
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
 - DEA Agenzia di stampa onlus -  Informazione -  Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile.  Crea iniziative, opportunità di dialogo e scambi  Presenta nuovi...
DEApress . 20 Agosto 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
DEApress . 20 Agosto 2019
 Riceviamo e comunichiamo il programma di Carrara Festival con il link qui di seguito http://www.con-vivere.it/2019/wp-content/uploads/2019/08/librettoCon-vivere2019web.pdf   Nella formazione il futuroCon-vivere Carrara Festival presenta...
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
https://www.youtube.com/watch?v=9o7I1bBI0HY Abbiamo trovato su internet un video che mostra come la condizione della donna in Afghanistan, specie nelle regioni più sperdute e di confine, non sia cambiata, anzi. Nel 50% dei casi, le donne vengono co...
Silvana Grippi . 20 Agosto 2019
Cari lettori e lettrici, Il centro socioculturale Didattica-Espressione-Ambiente che, si occupa fin dal 1987 di rilevare situazioni di disagio emergenti da comportamenti antropologicamente corrosi e da situazioni cancrenizzate verso un pianeta che h...
Silvana Grippi . 15 Agosto 2019
Rassegna Stampa - Bianca Petrisor - 13 agosto alle ore 23:56 - A Brasilia la marcia di oltre 3.000 donne indigene, rappresentanti di circa 100 popoli, contro lo sterminio dei popoli nativi e la distruzione d...
Silvana Grippi . 15 Agosto 2019
Un documentario per far conoscere  un grande artista della pittura e dell'incisione, Emilio Vedova, vissuto e morto a Venezia (2019-2016) che è interessante da vedere , 

Galleria DEA su YouTube