DEApress

Monday
Oct 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Firenze 2 Ottobre - Corteo studentesco e sciopero Ataf: ecco i perchè (foto)

E-mail Stampa PDF

DSC 0156

Questa mattina, in molte città italiane, gli studenti sono scesi in piazza per la prima giornata di mobilitazione nazionale dell’anno. Anche a Firenze gli studenti hanno organizzato un corteo che ha visto la partecipazione di più di mille persone e che è stato caratterizzato da varie azioni di protesta.

DSC 0143Il motivo della protesta sono le riforme del mondo dell’istruzione (“buona scuola”, “buona università”) e del lavoro (“jobs act”). Per quanto riguarda la “Buona scuola”, i temi in primo piano sono:
- il rifiuto del processo di aziendalizzazione della scuola e quindi del ruolo acquisito dai presidi, che diventano “manager”;
- il rifiuto dell’alternanza scuola-lavoro come modello da applicare in tutte le scuole garantendo alle aziende lavoro gratuito, sottraendo numerose ore allo studio e creando una nuova ondata di giovani precari già abituati ad essere sfruttati;
- la “digitalizzazione” degli istituti che porta solo ad un maggiore controllo degli alunni e ad uno sperpero di risorse che potrebbero essere investite per migliorare l’edilizia scolastica, visto che molti istituti si trovano in condizioni pericolanti e con scarsità di materiali;
- i temi sempre più stringenti del “caro-libri” e del “caro-vita”, dal costo sempre più alto dei trasporti a quello degli affitti e dei beni primari;
- il problema dei trasferimenti che stanno subendo i docenti, soprattutto costretti a spostarsi da Sud a Nord per riuscire ad avere una cattedra dopo anni di precariato;

DSC 0189

Come dichiarato da uno studente intervistato: “Con la scusa della crisi economica, gli ultimi governi hanno accelerato su una serie di riforme che erano già in atto da anni. Abbiamo visto così abolire in pochi mesi diritti dei lavoratori, ottenuti dopo anni di scioperi e lotte. Invece di porre rimedio alla precarietà che già da tempo si stava diffondendo, rinominandola “flessibilità” il governo l’ha ufficializzata come la nuova “normalità” nel mondo del lavoro. Sul solco di queste riforme è poi passato al mondo dell’istruzione. È infatti sul modello dell’azienda ideale che sono forgiati i ruoli della “Buona Scuola”, con a capo di tutto e tutti un preside manager che acquisisce di fatto un potere autoritario senza precedenti (nemmeno sotto Mussolini). Preside che comanderà su insegnanti già costretti, in molti casi, a spostarsi dall’altra parte dell’Italia per non perdere il lavoro. In questo caso la parola d’ordine è “meritocrazia” ma sappiamo bene che significa “obbedienza ed adeguamento” da parte di studenti ed insegnanti..”

 DSC 0164Anche gli studenti vedranno infatti peggiorare la propria situazione. Ci spiega una studentessa della Rete dei collettivi fiorentini: “Quello che vogliono è fornirci nozionismo e disciplina: vogliono che abbiamo abbastanza competenze per eseguire un compito e abbastanza obbedienza per non lamentarcene, una futura forza lavoro ideale. Ma non è certo una novità: ci sono vari esempi di come gli studenti vengano già adibiti a questo ruolo, come i tirocini gratuiti che molto spesso non sono neanche formativi. Chi ci guadagna è sempre il preside che in cambio di lavoratori (non pagati e senza diritti) può vedersi arrivare finanziamenti privati dalle aziende a cui essi vengono letteralmente affittati. Quello che diciamo noi invece è che il lavoro non può essere obbligatorio e che comunque debba essere retribuito. È così assurdo?”

Non a caso uno dei bersagli della protesta è stato il Centro per l’impiego di via Cavour, dove è stato gettato un sacco di letame davanti all'ingresso e appeso uno striscione conscritto "BASTA TIROCINI, PRECARIETà, SFRUTTAMENTO; NO JOBS ACT".

Se per la scuola la battaglia è già in corso, per l’università poco ci manca: si prevede infatti che la “Buona Università” verrà discussa dal governo Renzi durante l’autunno.

Secondo gli studenti "questa consisterà nell’abolizione dei corsi meno produttivi (ovviamente dal punto di vista economico, non culturale), un ulteriore apertura ai privati e ulteriori tagli al “diritto allo studio”: quello di studiare, ormai, più che un diritto sembra esser diventato un privilegio. Ci sono migliaia di studenti che, noDSC 0177n avendo un reddito sufficiente, avrebbero diritto a una borsa di studio o a un alloggio. Tuttavia, non stanziando abbastanza fondi, la Regione non garantisce a tutti questo diritto. Parliamo dei famosi “idonei non beneficiari”, spesso costretti ad abbandonare l’università strada facendo, non potendo più pagare l’affitto, i libri e le altre spese."

Come è successo poco prima al centro per l'impiego, anche alla sede della Regione di via Cavour è stato gettato un sacco di letame davanti al portone ed attaccato uno striscione.

Ci dice uno studente del collettivo Politico di Scienze Politiche “L'università sta diventando sempre più un lusso per poche élites ed esclude le fasce più povere, con la scusa della meritocrazia. Come possiamo valutare chi è più meritevole in un sistema che avvantaggia in partenza alcuni studenti e ne sfavorisce altri? Quello che chiediamo è che striscione rettoratovenga garantita la possibilità di studiare a tutti, includendo per chi ne ha bisogno l’alloggio, i trasporti, i libri e tutto ciò che serve. La soluzione che propone il governo Renzi invece è quella di sostituire il diritto allo con un Fondo Nazionale per il Merito, al fine di erogare “borse di merito” e di gestire i “prestiti d’onore”, veri e propri debiti con le banche.”

Passando in via della scala e nella zona circostante, caratterizzata da una forte presenza di migranti, gli studenti in corteo hanno ribadito il proprio rifiuto di razzismo e fascismo con cori e slogan.

L’ultima tappa è stata al tribunale dei minori, sanzionato da uova e vernice, dove numerosi studenti sono stati processati negli ultimi anni. Il corteo si è poi concluso in piazza Ognissanti.

DSC 0207Contemporaneamente al corteo si sta svolgendo lo sciopero di 24 ore del personale ATAF, con un'adesione stamattina di oltre l’80%. Gli autisti protestano per il peggioramento del servizio e delle condizioni di lavoro, conseguente alla privatizzazione dell’azienda ad opera di Renzi (ma quando era ancora sindaco). Come si legge in un volantino affisso alle pensiline degli autobus “Oltre 17mila corse saltate in due mesi, 300 al giorno. Bus insufficienti e rotti. Percorsi improvvisati. Carenza di autisti. Orari inaffidabili. Se il tuo autobus non passa la colpa non è di chi lo guida”. Gli autisti sono anche preoccupati per il proprio futuro: infatti non sanno chi sarà il vincitore della gara regionale ed hanno paura che siano loro cambiate residenze di lavoro e temono spacchetamenti di aziende e sub-appalti. Aderiscono allo sciopero tutte le rappresentanze sindacali tranne Cisl.

Un autista di Ataf ha preso la parola durante il corteo degli studenti per spiegare che la lotta dei lavoratori Ataf è la stessa lotta degli studenti, una lotta per garantire diritti e benessere a tutti.

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 02 Febbraio 2017 17:44 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Fabrizio Cucchi . 19 Ottobre 2020
Questo pomeriggio, mentre si insediava il nuovo consiglio regionale e veniva presentata la nuova giunta regionale toscana, nel centro di Firenze, si è svolta il presidio indetto dal "Comitato Priorità alla scuola toscana". Questo comitato sembra esse...
Ni Weijun . 19 Ottobre 2020
Notizia gioranliera di Firenze e Prato - 1400 bambini cinesi sono risultati assenti a scuola per paura del Covid.
Ni Weijun . 19 Ottobre 2020
Il presidente Xi jingpin oggi è andato nella città di Shenzhen definendola città modello dell'autarchia cinese e che secondo le previsioni supererà Hong Kong. Questo villaggio di pescatori ha fatto un salto di qualità diventando fabbrica nel mondo ...
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2020
Ricordiamo Antonio Russo giornalista Free lanceucciso a Tiblisi venti anni fa
Marco Ranaldi . 19 Ottobre 2020
Ci sono stati nel nostro florido paese anni in cui la vita era molto difficile. Un pò come oggi dove ad ogni piè sospinto quella apocalittica  trave che gravita  sulle nostre  teste sembra cedere. Ebbene erano gli anni settanta e molti ricorderanno c...
Silvana Grippi . 17 Ottobre 2020
CROFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Cari lettori e lettrici eccovi i dati di oggi di  9 ottobre 2020 - Tot. visite: 32.289.980  - h. 9.14  n. 125 visitatori on line  17 ottobre - Tot. visite: 32.328.843 h. ...
simone fierucci . 17 Ottobre 2020
Il vecchio amore non arrugginisce: perché l'UE non ha imposto sanzioni contro Ankara Nell’attuale clima di tensione tra la Grecia e la Turchia (due stati facenti parte della Nato) riteniamo utile per l’informazione pubblicare questo articolo della g...
Silvana Grippi . 17 Ottobre 2020
   
Ni Weijun . 16 Ottobre 2020
La povertà in Cina sembra concentrata nelle zona zone interne e del nord, soprattutto nelle regioni di Jiangsu, Shanxi, Hebei, Henan, Shaanxi, Fujian. Nello Zhejiang ci sono invece sia poveri che ricchi. Complessivamente Il tasso ufficiale di pover...

Galleria DEA su YouTube