DEApress

Wednesday
Apr 17th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

"Colonia Basilicata", il libro

E-mail Stampa PDF

Colonia Basilicata copertina

Interessante serata al Circolo ARCI dell’Isolotto per la presentazione del libro di Giorgio Santoriello “Colonia Basilicata” che fa toccare con mano il dramma ambientale dell’estrazione petrolifera. Quello che sembra così lontano - il delta del Niger, la Libia, le coste angolane, la Norvegia dove le piattaforme offshore sversano direttamente in mare i rifiuti estrattivi - lo abbiamo serenamente a casa nostra: gli scempi in Val d’Agri dove per anni la mortalità animale è stata del tutto anomala a causa dei rifiuti di lavorazione, dove i pozzi agricoli sono direttamente contaminati dagli idrocarburi, dove le persone si sono ammalate, dove nella zona del campo petrolifero di Tempa Rossa si verificano fenomeni di subsidenza.

centro-olio-tempa-rossa-maire-tecnimont

Non è facile riassumere efficacemente un libro che è in primis il racconto di una lotta e al tempo stesso un percorso ricchissimo di documentazione e denuncia ma, come ha avuto modo di spiegare il suo autore nel corso della serata, è solo con un duro e assiduo lavoro di studio preliminare e poi di ricerca e monitoraggio sul territorio che si può riuscire a descrivere i molti livelli di devastazione che il petrolio porta con sé: non soltanto quello dell’inquinamento ambientale ma anche la corruzione, la mancanza di trasparenza e le connivenze istituzionali che rendono impossibile persino accedere alle informazioni che siti tanto critici dovrebbero fornire alle comunità. Come è stato più volte ribadito durante la presentazione, il metodo è sempre lo stesso, che si tratti di Africa o di occidente: nessuna regola, comportamenti in palese conflitto di interesse (spesso sono i controllati ad “autocertificarsi” presso i controllori, senza nessuna ulteriore verifica), leggi scritte ad hoc per il settore petrolifero che servono a privatizzare i profitti e rendere pubblici danni e impatti (le porte scorrevoli sono la norma in questo settore), comportamenti criminosi in tema di smaltimento dei rifiuti di lavorazione (per anni sostanze nocive e persino nominalmente bandite dalla UE riversate in natura e ricoperte di terra sulla quale poi si faceva agricoltura), lavorazioni impattanti totalmente fuori controllo come gli scavi in orizzontale che hanno minato la stabilità dei suoli interessati; insomma, in una sola parola, che sia Africa oppure occidente, il risultato è sempre il medesimo: devastazione, disastro ambientale, depauperamento.

A scorrere i vari capitoli del libro si attraversano temi ricorrenti che, come una mortifera coazione a ripetere, abbiamo già letto ogni volta che il tema dello sfruttamento dei giacimenti di idrocarburi ci sia passato sotto gli occhi: dall’omertà della stampa al ruolo delle ecomafie, dalle connivenze della magistratura alle forze dell’ordine che voltano la faccia dall’altra parte per non vedere, dal lobbysmo dello sfruttamento selvaggio alla mancanza di controllo tutto contribuisce a tenere in piedi un sistema perfetto che in nome del profitto e della speculazione devasta territori, disgrega comunità e produzioni locali (agricoltura, allevamento, turismo), rende lo scempio una sorta di inevitabile sottoprodotto di questa economia del disastro.

Nella stessa sera, a margine della presentazione del volume, diversi sono stati gli interventi che hanno tenuto insieme vari temi con un interrogativo specifico a fare da collante: quanto tempo ci vorrà ancora perché si compia la transizione energetica verso un sistema incentrato sulle rinnovabili e la transizione economica e culturale verso un modello non estrattivista?

Non si è tirato indietro Santoriello - oltre che autore del libro anche co-fondatore dell’associazione Cova Contro che si è presa carico ormai da anni della lotta a livello locale facendo contro-informazione, raccolta dati e citizen science - nell’ammettere che lunga è la strada che porta alla consapevolezza delle questioni e che la lotta continua senza sosta. (https://covacontro.org/)

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 10 Aprile 2024 16:51 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 17 Aprile 2024
ttraverso la dichiarazione dei redditi è possibile devolvere una quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) senza oneri aggiuntivi per il contribuente, pertanto vi invitiamo a devolverlo al nostro centro sociale e cul...
Silvana Grippi . 17 Aprile 2024
San Suu Kyi (Birmana) da oggi è fuori dal carcere: è stata trasferita ai domiciliari ma non si sa se è una misura cautelare o un fine pena. Si ricorda che San Suu Kyi ha settantanove anni e ha anche vinto un premio Nobel   
DEAPRESS . 17 Aprile 2024
Oggi scrivo la seconda parte della storia del Forte Belvedere.    Come avevo già anticipato, il Forte Belvedere quel anno era stato completamente riservato per oltre 30 giorni alla futura famosa holding casa di moda Hugo Bos...
DEAPRESS . 16 Aprile 2024
Mi sono trovata come ogni anno ad organizzare il compleanno alla mia bambina. Ricordo vivamente l’emozione quando siamo arrivati a festeggiare il suo primo anno di vita. Per questa data, insieme ad una giovane famiglia, abbiamo affittato una ludoteca...
Nima Shafiei . 16 Aprile 2024
how to save a dead friend "Tutti dicono che la Russia è solo per i russi. Non è vero, la Russia è per i depressi.". Con questo incipit si apre il documentario.al cinema la Compagnia di Firenze, e iniziata la proiezione del docufilm di  Marusya Syr...
DEAPRESS . 15 Aprile 2024
Storia vissuta direttamente . Il Forte Belvedere. Ebbene, anche il Forte Belvedere ho avuto la fortuna (o sfortuna) di conoscere. È stato costruito e finito alla fine del 500, da Ferdinando primo, figlio di Cosimo primo de Medici, per due motivi. Il ...
Fabrizio Cucchi . 15 Aprile 2024
Preoccupa la diffusione del virus Dengue in Europa. Complice il cambiamento climatico, nonchè l'enorme diffusione delle zanzare, che sono il principale "vettore" del virus, non più contrastate da piani programmatici governativi di dimensioni nazion...
DEAPRESS . 15 Aprile 2024
Riceviamo e pubblichiamo: Ha preso avvio il 14 aprile - secondo appuntamento dell’86 Festival del Maggio Musicale - con il concerto del mezzosoprano Teresa Iervolino accompagnata al fortepiano da Francesco Pareti il ciclo di cinque concerti “Sulle a...
Simone Fierucci . 15 Aprile 2024
17 Aprile 2024 09:30 - 21 Aprile 2024 20:00 XVIII edizione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia che si tiene dal 17 al 21 aprile. Il centro storico della città vedrà quasi 600 speaker provenienti da tutto il mondo, pronti ad...

Galleria DEA su YouTube