DEApress

Tuesday
Oct 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Intervista ad un artista congolese: Luloloko Mays

E-mail Stampa PDF

Nel corso della mattinata di ieri, il gruppo di lavoro, della Redazione Deapress, ha avuto l'occasione di conoscere la storia di Luloloko, 40enne, artista di origine congolese, che da pittore, ben presto ha allargato i sui orizzonti appassionandosi alla moda e anche alla sartoria.

Il suo viaggio inizia a Kinshasa, capitale dela Repubblica Democratica del Congo dove inizia a frequentare l'Accedemia di Belle Arti e impara dai docenti le prime conoscenze sull'arte pittorica, i generi, gli stili e i modi di essere che possono contraddistinguere gli artisti.

La svolta arriva nel 2000, anno in cui grazie ad un concorso per artisti promosso dall'Ambasciata d'Italia, riesce a trasferirsi nel nostro paese entrando proprio qui a Firenze. Una grande occasione per poter apprendere ancor di più le conoscenze adatte, ma soprattutto per sviluppare uno stile personale, aspetto fondamentale per farsi spazio in un mondo sempre saturo di nuovi modelli. La sua prima mostra è stata realizzata proprio grazie alla disponibilità dell'Associazione DEA e della Galleria dell'Immagine, una collaborazione che va avanti ormai da oltre 10 anni.

Grazie ai fantastici punti di riferimento che la realtà fiorentina riesce a dare, la sua attività di semplice pittore su tela si espande abbracciando il campo della moda: la contaminazione degli stili rinascimentali ha inficiato sulla personalità di Luloloko, che dopo anni a contatto diretto con Firenze ha sviluppato una visione personale anche come stilista, materia molto più tecnica della semplice arte.

Grande importanza per l'artista congolese hanno avuto i precetti appresi nei corsi accademici con la loro desinenza artistica francese, ma nel momento in cui essi sono diventati troppo rivisitati l'unica soluzione è stata quella di fare da autodidatta imparando sul campo tutto ciò che poteva essere utile.

luloloko1.jpg

Luloloko si può definire come un artista sperimentale che crea un'arte etnica: per questo motivo i temi delle sue opere hanno come fulcro principale i racconti tribali e i soggetti astratti. I materiali utilizzati sono provenienti da altri stili e da altri artisti, ma come detto prima la capacità di autoreinventarsi sta alla base dei lavori di Luloloko. Tra i soggetti più raffigurati e realizzati c'è quella della maschere: un fattore importante nella vita del congolese poiché fin dall'inizio visto ne ha dedotto un auspicio di buona sorte.

L'obiettivo della sua arte è la semplice espressione personale di sè; il tema della maschere non resta fine a sè stesso poichè Luloloko riesce ogni volta a cambiare, modificare i caratteri del tema mascherario e a trasfigurarlo in modi diversi, a renderlo sempre nuovo. Con un desiderio futuro molto chiaro, quello di diventare una sorta d'insegnante per condividere tutta la sua conoscenza agli artisti del domani.

Nella mente di Luloloko è ben presente il concetto di dinamicità: nelle opere, nello sviluppo di nuove idee, di nuovi materiali, di nuovi soggetti da realizzare. La sua è "un'espressione di un’arte visiva ampia che penentra lo stato emozionale dello spettatore: un modo di fare che obbliga lo spettatore ad interpretare ogni singola situazione che l'artista crea e racchiude senza una riflessione, come se fosse mosso dall’istinto" (cit.).

 

Presenti all'intervista/dibattito di Luloloko Mays:  Paolo Ferrantini, Silvio De Rosa, Silvana Grippi,Mariangela Melato. 

Altri articoli:

 

La pittura astratta di Luloloko Mays

 

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 21 Luglio 2017 17:55 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
A San Miniato al Monte si commemora Carlo Lorenzini La recente inaugurazione della mostra “Gernika” nella cripta della Basilica di San Miniato al Monte, precede di pochi giorni un anniversario molto importante: i 128 anni trascorsi dalla morte di C...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
POCA CONSAPEVOLEZZA DEI RISCHI DA PARTE DELLE IMPRESE ITALIANE. Grazie al progetto europeo “Life Derris” e al Coordinamento Agende 21 locali italiane, nasce una community di enti locali impegnati a supportarle nella prevenzione e nella riduzion...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
L’Associazione “Per Boboli” organizza martedì 30 ottobre 2018 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), la conferenza “Il giardino inglese attraverso gli occhi di Jane Austen. Tra wilderne...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
  SUCCESSO DI DIDACTA ITALIA 2018 Nella seconda edizione della fiera sulla formazione +23% di biglietti venduti, oltre 23.000 partecipanti a seminari ed eventi, 130 giornalisti accreditati. Più di 100.000 persone raggiunte sui social Firenz...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2018
Tratto da Umanità nuova  Giovanna Caleffi (1897-1962) e Maria Luisa Berneri (1918-1949) sono conosciute come “moglie di” e “figlia di” Camillo Berneri, noto intellettuale antifascista e militante anarchico assassinato dai ...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Ecco i nuovi servizi dell'Archivio fotografico DEApress - Nel nuovo Laboratorio saranno disponibili tessere sconto per soci a partire da Lunedì  Self Service con voce per l'autoproduzione (con spiegazioni vocali). Centro Sociocultural...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Proseguono le iniziative del Centro Socioculturale D.E.A.onluspreviste per il mese di ottobre
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
La ns. Associazione ha deciso di rivolgersi a giovani e adulti per iniziare a far conoscere DEApress. Eccovi le Giornate di Formazione per giovani che vogliono scrivere in un giornale web. Ogni mese organizzeremo tre mattine per aspiranti volontar...
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
Sabato 20 Ottobre alle ore 18,00 nei locali del Centro Socioculturale D.E.A.onlus - Firenze Via degli Alfani 16/r PRESENTAZIONE E LETTURE DEL LIBRO: IL PROCESSO BATACCHI

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons