DEApress

Wednesday
Jul 18th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cavalcare nel Medioevo

E-mail Stampa PDF

A-cavallo-del-tempo.-L-arte-di-cavalcare-dall-Antichita-al-Medioevo_civita_studies_full.jpg

A CAVALLO DEL TEMPO.

L’ARTE DI CAVALCARE DALL’ANTICHITÀ AL MEDIOEVO.

 

NELLA LIMONAIA DEL GIARDINO DI BOBOLI A FIRENZE

DAL 26 GIUGNO AL 14 OTTOBRE IL MILLENARIO RAPPORTO FRA UOMINI E CAVALLI.

Il cavallo figura fra gli ultimi animali ad essere addomesticato.

Solo sul finire del IV millennio a.C., nelle steppe dell’Asia centrale, per la prima volta il cavallo cessò di essere semplicemente una preda da carne per intrecciare sempre più strettamente il suo destino con quello dell’uomo.

La mostra, a cura di Lorenza Camin e Fabrizio Paolucci e ospitata nella settecentesca Limonaia del Giardino di Boboli a Firenze dal 26 giugno al 14 ottobre, vuole raccontare proprio questo antico rapporto con una selezione di oggetti che, spesso trascurati nell’esposizioni museali a vantaggio di opere più appariscenti, sono invece in grado di narrare le mille sfaccettature di una relazione che coinvolgeva ogni aspetto della vita quotidiana.

Quale sia stato il luogo in cui sia nata e sviluppata la domesticazione del cavallo è ancor oggi uno degli argomenti di più acceso dibattito nella letteratura scientifica. Sembrerebbe, però, del tutto illogico immaginare che il cavallo abbia iniziato la sua millenaria storia di convivenza con l’uomo in un luogo diverso da quello dell’Europa orientale e delle steppe euroasiatiche” scrivono Camin e Paolucci sul catalogo edito da Sillabe.

Strumenti necessari al controllo dell’animale (morsi, filetti, speroni, staffe etc.) sono esposti in mostra accanto a una serie di opere scelte per illustrare, nel modo più diretto e realistico, il ruolo primario che il cavallo ebbe nel mondo antico. I reperti presenti, quasi un centinaio, provengono da decine di musei italiani e stranieri e illustrano un arco di tempo di oltre duemila anni, dalla prima età del Ferro sino al tardo medioevo.

Il percorso, incentrato soprattutto sul mondo italico, è articolato in cinque sezioni, ognuna delle quali è dedicata a un particolare momento storico: la Preistoria, il mondo greco e magno greco, il mondo etrusco e venetico, l’epoca romana e il Medioevo.

Fra i numerosi reperti che, per la prima volta, saranno restituiti alla curiosità del pubblico figura il carro di Populonia. Questo rarissimo esempio di calesse etrusco, rinvenuto alla metà del XX secolo nella cosiddetta Fossa della Biga, è stato ricomposto a seguito del recente intervento di restauro, eseguito proprio in occasione di questa mostra. L’opera, realizzata in legno, ferro e bronzo e databile agli inizi di V secolo a.C., costituiva un veicolo ad andatura lenta destinato al trasporto di personaggi di alto rango.

Di particolare suggestione sono anche due crani equini rinvenuti durante gli scavi della necropoli occidentale di Himera e oggi conservati presso il Museo Pirro Marconi del Parco Archeologico di Himera. Nel 480 a.C., a Himera, i Siracusani sconfissero i Cartaginesi in un violento scontro che portò alla morte di centinaia di soldati e cavalieri. In prossimità del luogo della battaglia sono state rinvenute fosse comuni e tombe destinate ai corpi dei caduti, affiancate da sepolture equine. Gli esemplari esposti in mostra presentano morsi ad anello bronzei, un tipo di imboccatura nota prevalentemente in area iberica, che sembra confermare la presenza di mercenari ispanici entro le fila dell’esercito cartaginese, come testimoniato anche da Erodoto (VII, 165). Il loro rinvenimento risulta straordinario: infatti, nel V secolo a.C. sono assai rare le attestazioni di sepolture equine nel mondo greco e magno greco, ma la risonanza dell’evento fece sì che i soldati e i loro cavalli fossero oggetto di particolari onorificenze.

Vera e propria sintesi del rapporto fra uomo e cavallo può essere considerata la kylix attica a figure rosse con Atena e il cavallo di Troia, oggi conservata presso il Museo Archeologico Nazionale di Firenze. L’esemplare, dipinto dal Pittore di Sabouroff, attivo tra il 470-460 e il 440-430 a.C., presenta sul tondo interno la raffigurazione della dea Atena seduta su trono, intenta ad accarezzare un cavallo di grandiose dimensioni. L’animale è ornato di tainiai niketeriai, le bende in lana rossa simbolo di vittoria. La maggioranza degli studiosi si trova pertanto concorde nell’identificarvi Atena insieme al Cavallo di Troia, emblema dello stratagemma da lei stessa architettato, che portò alla conclusione della guerra con la vittoria achea.

A questi reperti se ne aggiungono molti altri che affronteranno i più diversi aspetti del rapporto fra uomo e cavallo. Nel lavoro quotidiano (esemplificato in mostra da un rarissimo giogo ligneo dai relitti delle navi di Pisa) come nel gioco, nella guerra come nelle celebrazioni religiose i destrieri furono sempre una presenza costante al fianco dell’uomo. Ultimo fra gli animali addomesticati, il cavallo seppe infatti strappare un ruolo di primo piano nell’arte, nella società e nella letteratura del mondo antico grazie alla sua innata bellezza e nobiltà che, inevitabilmente, finivano con l’irradiarsi anche al suo cavaliere.

Come sintetizza efficacemente Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi, l’intero concetto di questa mostra sembra contenuto in una delle opere che vi sono esposte, una splendida coppia di frontali in bronzo e avorio, del IV secolo a. C., destinati a proteggere il muso del cavallo: il perimetro della lamina sagomata e decorata a sbalzo ne segue pertanto l’anatomia allungata, ma al suo interno, invece di una fisionomia equina, racchiude le sembianze di un volto umano con un elmo sul capo. Cavallo e cavaliere diventano una cosa sola. Dal Paleolitico a tutto il Cinquecento, la rassegna di fatto indaga questo rapporto, di un’attualità spesso insospettata, e che attraversa tutta la nostra storia”.

La multivisione “A cavallo del tempo”, ideata e diretta da Gianmarco D’Agostino, completa il percorso espositivo con proiezioni di circa 300 metri quadri. La corrispondenza visiva tra opere in mostra e immagini dal vero, insieme a una colonna sonora immersiva, arricchisce il viaggio alla scoperta dell’amicizia attraverso i secoli tra uomo e cavallo.

A corredo della mostra sono state attivate numerose iniziative destinate alla divulgazione dei principali temi legati al cavallo nel mondo antico. Le proposte sono legate ai centri estivi comunali che, sin dai prossimi giorni, frequenteranno quotidianamente il Giardino di Boboli. Oltre alle consuete visite guidate, tenute da personale appositamente formato di Opera Laboratori e pensate principalmente per un pubblico di giovani e giovanissimi, è stato organizzato uno scavo archeologico simulato. In uno spazio appositamente riservato, i bambini potranno provare l’emozione di portare in luce la riproduzione di un reperto esposto in mostra integro o frammentato. Ai giovani archeologi il piacere della scoperta e la sfida di ricostruire integralmente una coppa attica oppure piccole sculture in terracotta. Inoltre sarà organizzato in collaborazione con l’Associazione Cavallo Ambiente di Firenze un laboratorio di avvicinamento al cavallo che prevederà la presenza di un animale in carne e ossa in prossimità della sede espositiva. Operatori specializzati seguiranno i gruppi dei bambini, aiutandoli a strigliare, accarezzare e a conoscere questo splendido amico. Questa serie di attività verrà coniugandosi con le consuete iniziative organizzate nel Giardino di Boboli dal Dipartimento Scuola e Giovani, in particolare con la “panchina delle favole”, l’ormai collaudata formula che, quest’anno, avrà come fil rouge soggetti tratti dalla letteratura greca e romana.

Numerose anche le attività volte a garantire l’accessibilità della mostra a sordi e ciechi, in stretta collaborazione con il dipartimento di Mediazione culturale e Accessibilità. In particolare, saranno organizzate visite in LIS, affidate all’Ente Nazionale Sordi di Firenze, e percorsi tattili definiti con il concorso dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Firenze.

Opera Laboratori Fiorentini – Civita

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 26 Giugno 2018 16:29 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 18 Luglio 2018
  Museo degli Innocenti - Aperture straordinarie serali  nei giorni del Musart Festival Domenica mattina appuntamento con Arte a colazione e visite guidate alla collezione di arte e storia Firenze, 18 luglio 2018– Apertu...
Piero Fantechi . 18 Luglio 2018
  Università di Firenze, le scadenze per le lauree a numero programmato   Tutte le date per iscriversi alle prove di ammissione   Prime scadenze per il nuovo anno accademico dell’Università di Firenze. Alcuni...
Piero Fantechi . 18 Luglio 2018
    TUTTO PRONTO PER LA QUARTA EDIZIONE DEL SERAVEZZA BLUES FESTIVAL Super ospiti Dan Nash, Nick Becattini e Zac Harmon   La kermesse internazionale si svolgerà dal 20 al 22 luglio nel giardino di Palazzo Mediceo a Seravezz...
Piero Fantechi . 18 Luglio 2018
PAPIK  GIOVEDÌ 19 LUGLIO AL BILLIONS SUMMER VILLAGE  PRESENTA IL NUOVO DOPPIO ALBUM "Little Songs For Big Elevators" Concerto ore 22.30Via di Settebagni 716 - Roma Giovedì 19 luglio Papik presenterà al Billions Summer Village di&...
Piero Fantechi . 18 Luglio 2018
    Abiti e accessori di giovani designer da 3 istituti fiorentini e da tutto il mondo per un evento ispirato all'illusione ottica Domani, nella sede IED di Firenze, in via Bufalini 6R dalle 17 alle 22 a ingresso libero L'ini...
Piero Fantechi . 18 Luglio 2018
Prefazione di Francesca Barca H­o conosciuto Carmelo grazie al mio lavoro: ho aperto uno dei tanti comunicati che arrivano alla mail di una redazione. Si trattava della lettera di un ergastolano. Ho risposto, domandando di poter pubblicare regolar...
Cosimo Biliotti . 18 Luglio 2018
Una rivoluzionaria esperienza che prepara i ragazzi ad affrontare il mondo dell’innovazione e delle nuove tecnologie con l’uso di una moneta virtuale.   KibiGO è il nuovo progettotecnologico della startup fiorentina Kinoa, che ne ha deposita...
DEApress . 17 Luglio 2018
DIDATTICA-ESPESSIONE-AMBIENTE onlus Un centro unico nel suo genere dove dtalentuosi e creativi possono trovare la loro strada. L’Associazione DEA  in collaborazione con Enti pubblici e privati del territorio fiorentino e in rete con altre asso...
Silvana Grippi . 17 Luglio 2018
L'Archivio DEApess ha diversi tipi di fotografia (negativo, a stampa, in bianco e nero  o colori, su lastra, diapositive, lastre da dagherrrotipo.Il materiale è oggetto di ordinaria attività archivistica ed hanno a pieno titolo lo statuto di doc...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons